Non ci attende la morte ma il paradiso


berg22Essere santi non è un privilegio di pochi, ma è una vocazione per tutti. Lo ha ricordato Papa Francesco, oggi all’Angelus in Piazza San Pietro, nell’odierna festa di Tutti i Santi. “Il traguardo della nostra esistenza – ha detto – “non è la morte”, bensì il Paradiso.  Il servizio di Giada Aquilino: 
Non sono superuomini, né sono nati perfetti. “Sono come ognuno di noi, sono persone che prima di raggiungere la gloria del cielo hanno vissuto una vita normale, con gioie e dolori, fatiche e speranze”. Così Papa Francesco ha parlato della figura dei Santi: gli “amici di Dio”, li ha definiti, perché nella loro esistenza terrena hanno vissuto “in comunione profonda con Dio”. È per questo che “nel volto dei fratelli più piccoli e disprezzati hanno veduto il volto di Dio e ora lo contemplano faccia a faccia nella sua bellezza gloriosa”:

“Quando hanno conosciuto l’amore di Dio, lo hanno seguito con tutto il cuore, senza condizioni o ipocrisie; hanno speso la loro vita al servizio degli altri, hanno sopportato sofferenze e avversità senza odiare e rispondendo al male con il bene, diffondendo gioia e pace. Questa è la vita dei Santi: persone che per l’amore di Dio non hanno fatto la loro vita con condizioni a Dio; non sono stati ipocriti; hanno speso la loro vita al servizio degli altri – servire il prossimo – e hanno sofferto tante avversità, ma senza odiare. I Santi mai hanno odiato. Perché – ma capite bene questo, eh? – l’amore è di Dio, ma l’odio da chi viene? Viene da Dio l’odio? No, viene dal diavolo! E i Santi si sono allontanati dal diavolo”.

I Santi sono quindi uomini e donne che “hanno la gioia nel cuore e la trasmettono agli altri”:

“Essere santi non è un privilegio di pochi, come se qualcuno avesse avuto una grossa eredità. Tutti noi abbiamo l’eredità di poter diventare Santi nel Battesimo. E’ una vocazione per tutti. Tutti perciò siamo chiamati a camminare sulla via della santità, e questa via ha un nome. La via che porta alla santità ha un nome, ha un volto: il volto di Gesù. Lui ci insegna a diventare Santi: Gesù Cristo”.

Nel Vangelo, il Signore “ci mostra la strada”, quella delle Beatitudini: “il Regno dei cieli – ha spiegato il Pontefice – è per quanti non pongono la loro sicurezza nelle cose, ma nell’amore di Dio; per quanti – ha proseguito – hanno un cuore semplice, umile, non presumono di essere giusti e non giudicano gli altri, quanti sanno soffrire con chi soffre e gioire con chi gioisce, non sono violenti ma – ha aggiunto – misericordiosi e cercano di essere artefici di riconciliazione e di pace”. Quindi “è bella la santità. E’ una bella strada”.

“Oggi i Santi ci danno un messaggio in questa festa. Ci dicono: fidatevi del Signore, perché il Signore non delude! Il Signore non delude mai! E’ un buon amico, sempre al nostro fianco. Non delude mai! Con la loro testimonianza i Santi ci incoraggiano a non avere paura di andare controcorrente o di essere incompresi e derisi quando parliamo di Lui e del Vangelo; ci dimostrano con la loro vita che chi rimane fedele a Dio e alla sua Parola sperimenta già su questa terra il conforto del suo amore e poi il ‘centuplo’ nell’eternità”.

In fondo, ha notato il Santo Padre, questo “è ciò che speriamo e domandiamo al Signore per i nostri fratelli e sorelle defunti”. “Con sapienza, la Chiesa ha posto in stretta sequenza la festa di Tutti i Santi e la Commemorazione di tutti i fedeli defunti”. Alla nostra preghiera di lode a Dio e di venerazione degli spiriti beati si unisce, ha aggiunto il Papa, “l’orazione di suffragio per quanti ci hanno preceduto nel passaggio da questo mondo alla vita eterna”. Quindi, dopo la preghiera mariana, ha ricordato che nel pomeriggio si recherà al cimitero del Verano e celebrerà la Santa Messa:

“Sarò unito spiritualmente a quanti in questi giorni visitano i cimiteri, dove dormono coloro che ci hanno preceduti nel segno della fede e attendono il giorno della risurrezione. In particolare, pregherò per le vittime della violenza, specialmente per i cristiani che hanno perso la vita a causa delle persecuzioni”.

Poi il pensiero all’ultima tragedia dell’immigrazione, quella accaduta nei giorni scorsi nel deserto del Niger, dove persone che cercavano una vita migliore sono invece morte in condizioni disperate. Forte si è levata la preghiera del Papa:

“In modo speciale pregherò per quanti, fratelli e sorelle nostri, uomini, donne e bambini, sono morti, assaliti dalla sete e dalla fame e dalla fatica nel tragitto per raggiungere una condizione di vita migliore. In questi giorni abbiamo visto nei giornali quell’immagine del crudele deserto”.

Infine, nel rivolgersi ai pellegrini riuniti in Piazza San Pietro, il Pontefice ha salutato i partecipanti alla Corsa dei Santi, organizzata dalla Fondazione Don Bosco nel mondo. “San Paolo direbbe che tutta la vita del cristiano è una ‘corsa’ per conquistare il premio della santità: voi – ha concluso – ci date un buon esempio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: