Le scuole degli altri


I finlandesi non hanno più le materie. Nella scuola inglese la storia si studia monograficamente e non cronologicamente e a leggere si comincia a tre anni ma molto gradualmente e per gioco. In Germania si dividono precocemente nei diversi tipi di scuola superiore in base alle loro abilità. Nel sistema d’istruzione cinese ci si gioca tutto con l’Esame di Stato finale, il Gaokao. Nel sistema... Continue Reading →

17 marzo, Festa dell’Unità nazionale


Pietroalviti's Weblog

italianiIl 17 marzo 1861 nasceva il Regno d’Italia: il parlamento approvava la Legge n. 1 che proclamava Vittorio Emanuele II, Re d’Italia.

Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: Articolo unico: Il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e suoi Successori il titolo di Re d’Italia. Ordiniamo che la presente, munita del Sigillo dello Stato, sia inserita nella raccolta degli atti del Governo, mandando a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Da Torino addì 17 marzo 1861 

tricolore

View original post

Francesco, dono di Dio


6 anni fa in pochi conoscevano Jorge Maria Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires. Gli bastarono poche parole dalla Loggia delle Benedizioni, subito dopo la sua elezione papale, per conquistare il cuore di tutti. Popolare certo, ma coraggiosissimo nella sua lotta contro gli scandali della chiesa e nel proporre il vangelo nella sua autenticità. Che il... Continue Reading →

Quaresima, benedetta imperfezione


di Lorenzo Raniero Conversione, coerenza, impegno: sono alcune delle parole che all’inizio del tempo di Quaresima la tradizione cristiana pronuncia per caratterizzare il cammino del credente verso la Pasqua. Il ritorno a Dio Padre da parte del peccatore è connotato dall’impegno e dall’ascesi per accedere a una vita di perfezione santa e gradita a Dio.... Continue Reading →

Luigi Tempesta, di Ceccano, a 30 anni, morì nell’affondamento del Giovanni dalle Bande Nere


Non aveva ancora 30 anni, il ceccanese Luigi Tempesta, capo radiotelegrafista di terza classe, quando il sommergibile inglese Urge silurò l'incrociatore leggero Giovanni Dalle Bande Nere davanti all'isola di Stromboli, trascinando con sé il giovane insieme ad altri 380 marinai tutti imbarcati sulla nave della Regia Marina. Era il 1 aprile del 1942. Luigi Tempesta... Continue Reading →

Due sedie ed un tavolo, potenza dello sguardo


di Alessandro D'Avenia C’è solo questo al centro dell’enorme sala. Una donna, immobile nel suo abito regale, ora rosso, ora bianco, ora nero, è seduta su una delle sedie. Gli occhi sono pozzi, incorniciati da un volto perlaceo e una cascata di capelli neri raccolti su un lato. Sull’altra sedia può prendere posto chi vuole,... Continue Reading →

Ceccano, a cavallo contro lo smog


Finalmente un'idea per sbloccare il blocco, per passare dagli arresti domiciliari ad un primo tentativo di animare le domeniche deserte del blocco totale del traffico. Ci proverà la Scuderia Pallotta Western Style Riding, a cavallo secondo lo stile del west, che domenica 17 marzo 2019, in occasione del blocco totale del traffico, organizzerà una passeggiata... Continue Reading →

In ricordo di Sebastiano Tusa, grande archeologo, morto in Etiopia, per due volte a Ceccano a parlare al Liceo


Per due volte è stato ospite del Liceo di Ceccano, la prima a parlare delle sue navi, il suo amore di una vita, affondate nella battaglia delle Egadi, prima guerra punica, e poi del più grande dei Siciliani, quel Federico II, che se fosse vissuto di più ci avrebbe consegnato un'Italia ben diversa. Grazie a... Continue Reading →

Essere donna oggi, il punto su tante questioni


Lavoce.info offre uno sguardo complessivo sull'essere donna; Nella giornata delle donne ricordiamo senza compiacimento i progressi graduali nella parità di genere. In Italia la differenza media nelle retribuzioni rimane superiore al 20 per cento, anche se i dati mostrano finalmente qualche crepa nel “soffitto di cristallo”, il tetto che frena l’ascesa femminile alle posizioni di vertice. Le... Continue Reading →

Giuseppe La Cava, la grande tradizione della chirurgia a Ceccano


Ha suscitato grande interesse il post sul dott. Roccatani e la sua clinica. E' necessario però ricordare un altro grande medico che ha onorato Ceccano del suo servizio ed ha formato generazioni di altri medici: è il prof. Giuseppe La Cava, primario all'Ospedale Civile di Ceccano dal 1952 al 1972. Quando arrivò a Ceccano era... Continue Reading →

Frosinone, Ceccano, Valle del Sacco, la bonifica inizierà nel 2023


Lo afferma in un suo comunicato Legambiente che accenna ai tempi lunghi necessari per l'avvio delle operazioni di bonifica della Valle del Sacco per cui sono stati stanziati complessivamente 53 milioni di euro, di cui oltre 3 milioni per i tre siti di Ceccano, il Bosco Faito, l'ex Annunziata, la discarica di via Anime Sante.... Continue Reading →

Mercoledì delle ceneri, un significato universale


di MAURO LEONARDI Per i cattolici, è un mercoledì particolare, quello dell'inizio della Quaresima. In genere questa parola è associata all'idea di digiunare o di mangiare di meno, e direi che non è un'idea sbagliata. Magari non è completa, ma l'idea che mangiare meno, con più giudizio, in maniera più armoniosa, faccia star bene sia l'anima... Continue Reading →

L’Amore o l’amore?


di Alessandro D'Avenia Nel quotidiano vivere di rado l’Amore si mostra apertamente, come un dio. È accaduto nella cerimonia dei moderni immortali premiati con auree statuette. Quando il glaucopide Cooper e Lady Gaga Circe hanno cantato Shallow, tutti hanno visto, saputo, desiderato: Amore. Era lì, sotto gli occhi dei mortali, nell’aria che divideva e univa i... Continue Reading →

Preghiamo per i martiri del nostro tempo, è l’invito del Papa


Nel videomessaggio per l’intenzione di preghiera del mese di marzo, promosso dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa, il Pontefice chiede di pregare affinché le comunità cristiane perseguitate “sentano la vicinanza di Cristo e i loro diritti siano riconosciuti” https://youtu.be/NUiFfa3-GsM In alcune regioni del mondo fare il segno della croce, leggere la Bibbia, andare la... Continue Reading →

Da Bruegel la metafora del nostro tempo


Pietroalviti's Weblog

brugelSi è fatto improvvisamente aperto e largo il passaggio al centro della piazza dove si scontrano il carnevale e la quaresima. Parodie, al tempo dell’autore Peter Bruegel, di due Chiese in lotta: Luteranesimo (il carnevale) e Cattolicesimo (la quaresima). Oggi non sapremmo identificare così chiaramente i due schieramenti, giacché il carnevale abbonda ovunque e la quaresima, se c’è, sembra essere relegata ai luoghi dove imperversa la dittatura e il terrorismo.
In realtà, come nel dipinto di Bruegel, anche noi che camminiamo nel bel mezzo del carnevale siamo profondamene segnati dal dramma della quaresima. Lo dice la coppia che si fa strada, appunto, nel centro della piazza. Lui e lei che camminano scortati da una specie di giullare. I due personaggi sono per Bruegel un’altra allegoria delle due Chiese, dove l’uomo con la gobba, simbolo del peso dei peccati, è la Chiesa luterana (la quale tolto il sacramento della penitenza, non…

View original post 37 altre parole

Tempo di maschere


Pietroalviti's Weblog

art_tempo_di_maschere1_132714667di Tamara Baris per treccani.it

«Fragori di folle impazienti», «ritmi frantumati» faticosamente ricordati, tempi liquidi che spengono il fuoco carnevalesco, un tempo purificatore; nessun povero Carnevale che fa testamento; nessuna recita che lo liberi in pubblico dalle malefatte e dai suoi vizi; nessuna confessione. Eppure, carnevale è morto, ma forse non lo ucciderà, facilmente, nessuno.

Sfogliavo un manuale l’altro giorno e leggevo questa annotazione napoletana, datata 1670: «le insolenze de’ plebei in questi tre ultimi giorni del carnevale non sono state ordinarie, nel menare cetrangole ed acqua da sopra gli astrachi e per le strade»; e, ancora, un’altra del 1675: «le pazzie della plebe sono state in eccesso in ogni quartiero, né sono state sufficienti le guardie di reprimerle, ma bensì per non venire a segno di perdere il rispetto, mitigare al possibile il furore licenzioso di tal sorte di gente».

continua a leggere qui 

View original post

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: