Nel recinto di S. Pietro


di Luigi Accattoli per Il Corriere della Sera

ben ultimo“Resto nel recinto di San Pietro”: a metà del commiato dal popolo delle udienze Papa Benedetto ha pronunciato queste sei parole che stringono in un motto l’intera idea di “Papa emerito” che è venuto elaborando negli ultimi mesi e della quale dal giorno della rinuncia a oggi viene mostrando, con lenta pedagogia, le varie facce. In quelle parole è chiarito il perché oggi pomeriggio si trasferirà nella Villa papale di Castel Gandolfo e perché tra due mesi rientrerà in Vaticano per vivere “nascosto al mondo” nel Monastero dei Giardini vaticani.
Con la creativa e inedita espressione “recinto di San Pietro” il Papa teologo ha voluto alludere sia alle mura leonine, all’interno delle quali vivrà il resto della vita, sia all’ambito guardiaecclesiale nel quale si manifesta e si svolge il “ministero” del successore di Pietro. “Non ritorno alla vita privata” ha detto anche, chiarendo che nella sua idea un Papa accettando l’elezione rinuncia “per sempre” a ogni “privacy”: ha usato la parola inglese, come a farsi intendere da tutti.
Il progetto di andare ora a Castel Gandolfo e di stabilirsi poi in Vaticano i più l’avevano interpretato come una scelta che garantiva la riservatezza. Ma da ieri sappiamo che c’è di più, in quel progetto: c’è il concetto che un Papa non esce mai dalla figura e dalla missione papale nelle quali è entrato con l’elezione.
Ora è chiaro anche il motivo che l’ha indotto a conservare per sé l’abito bianco e l’appellativo di “santità”, nonché a coniare il titolo di “Papa emerito”: a differenza dei papi rinunciatari del Medioevo, la figura di Papa emerito che Benedetto va costruendo non “depone” i segni e gli appellativi del Papato ma continua a servirsene con gli adattamenti che la nuova condizione comporta: avrà la veste bianca ma senza la mantellina, alloggerà in Vaticano ma fuori del Palazzo papale. Sarà ancora Papa ma “emerito”.
Non sappiamo – ed egli stesso lo ignora – che rapporto potrà avere con il successore, ma le scelte che ha compiuto non esclude la possibilità di una relazione, anzi la suggerisce. Se il successore vorrà consultarlo quella possibilità prenderà forma, altrimenti resterà implicita. Ma si tratterà di un implicito fattuale, espresso chiaramente nell’unità di luogo, di veste e di nome tra l’emerito e il regnante.
Luigi Accattoli
http://www.luigiaccattoli.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria @ La Statale

Risorse web per la storia, novità ed eventi della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Università degli Studi di Milano

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: