Facebook e comuni, un’analisi


Da tempo si discute dell’opportunità da parte dei comuni  di essere presenti sui social networks come facebook per comunicare con i cittadini. Deborah D’Agostino ha studiato il fenomeno cercando di capire se i  Comuni riescano davvero a coinvolgere i propri abitanti attraverso questi strumenti. Quanto è efficace il dialogo instaurato su queste piattaforme? Uno studio, condotto nei primi cinque mesi del 2012, ha provato a dare una risposta prendendo in esame 119 comuni italiani capoluogo di provincia e analizzandone la presenza su tre social media: Facebook, Twitter e YouTube. Ecco una sintesi dei risultati  dello studio curato per il Politecnico di Milano.

Il rapporto tra Pubblica Amministrazione e cittadino è in una fase di profondo cambiamento. Da un lato i cittadini cercano una relazione diretta con gli enti pubblici e ricorrono spesso al web per identificare soluzioni ai propri problemi. Dall’altro lato, la PA è impegnata nel processo di costruzione di nuove modalità di interazione con i cittadini basate su trasparenza e partecipazione alle decisioni pubbliche. In altre parole: dialogo e collaborazione per arrivare a decisioni pubbliche partecipate. E il primo livello in cui si instaura un dialogo è quello più vicino ai cittadini: il comune.

1) Identificabilità del comune. Il primo risultato emerso riguarda la scarsa identificabilità del comune. Bisogna fare una distinzione tra pagina ufficiale e non ufficiale. Si parla di pagina ufficiale quando il comune riporta il link al social media sulla home page del sito istituzionale. In caso contrario si parla di pagina non ufficiale, poiché potrebbe essere gestita da qualunque utente. Nel primo caso la presenza dell’ente pubblico sul social media è facilmente identificabile, nel secondo caso no. Seguendo questa definizione sono emerse forti differenze. Se si confrontano le presenze ufficiali, il 26% dei comuni è presente su Facebook, il 19% su YouTube ed il 14% su Twitter. Se invece si considerano anche le pagine non ufficiali i numeri crescono: il 92% dei comuni ha un account Facebook, il 40% è presente su YouTube, mentre il 31% su Twitter. La scarsa attendibilità delle pagine non ufficiali, tuttavia, ci ha portato a continuare l’analisi sulle sole presenze ufficiali.

Continua qui dialogo-tra-comuni-e-cittadini-sui-social-media-una-misurazione-possibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

virgoletteblog

non solo notizie in co-blogging

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

RomaCassino Express

Associazione pendolari Roma-Cassino

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: