ArmillaR, il braccialetto smart della IV H del Liceo di Ceccano, in finale nella competizione per Samsung


ArmillaR, un bracciale contenente un tag NFC in grado di memorizzare informazioni mediche e storia clinica del paziente, posizione dell’abitazione, numero di telefono e contatti di emergenza, realizzato dagli studenti del Liceo di Ceccano è nella finale a tre del concorso nazionale organizzato da Samsung. Sono 5 studenti del Liceo Scientifico di Ceccano, Luca Cristofanilli, Paolo Maria Geralico, Nicolò Limongi, Francesco Maura e Simone Maura della classe 4H, i finalisti, su 538 scuole partecipanti, della terza edizione del Concorso digitale nazionale “Lets App Solve for Tomorrow edition”, promosso da Samsung Electronics Italia e il Ministero dell’Istruzione. A breve ultimeranno il percorso sfidandosi in un Hackathon sui temi dell’Esposizione Universale, per vincere un viaggio a Expo Dubai 2020.

Gli alunni in questa esperienza formativa sono stati guidati dalla Prof.ssa Annalisa Gaetani.

Il concorso, articolato su più livelli di selezione,  mira alla ricerca di creatività digitale e all’acquisizione di specifiche competenze tecniche e soft-skills, grazie ai moduli di formazione della piattaforma www.letsapp.it con l’obiettivo di mostrare come le discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) possano essere applicate per trovare soluzioni a problemi legati a tematiche sociali.

Attraverso questo contest gli studenti hanno potuto sviluppare l’attitudine creativa a risolvere problemi e a lavorare in squadra per ideare proposte e realizzare il loro progetto. 

Il lavoro presentato “ArmillaR: Together to be safe” ha superato diverse prove fino a risultare tra i migliori per “presentazione di creatività digitale in grado di associare capacità tecnico-creativa con competenze trasversali di pianificazione progettuale”. 

Il prototipo realizzato e funzionante è ArmillaR, un bracciale contenente un tag NFC in grado di memorizzare informazioni mediche e storia clinica del paziente, posizione dell’abitazione, numero di telefono e contatti di emergenza. Le informazioni vengono caricate dal medico o dal paziente, sono fruibili senza una connessione internet, in qualunque circostanza e da qualsiasi smartphone con nfc (tutti gli smartphone Android dal 2015 ad oggi). È resistente agli urti, alla polvere, al calore ed infine impermeabile. Non necessita di batterie o cavi per il funzionamento. È realizzato in silicone, ecosostenibile, ipoallergenico.

Per ulteriori informazioni engine4you.it/armillar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: