Droghe e cervello dei giovani, una brochure


di Giovanni Serpelloni, Capo Dipartimento Politiche Antidroga – Presidenza del Consiglio dei Ministri

dipartimento antidrogaL’assunzione di droghe e alcol, in particolare durante l’adolescenza, può causare anomalie anche gravi nel funzionamento neuro-psichico dell’individuo, ad esempio una memorizzazione distorta delle percezioni, delle esperienze, delle sensazioni e degli schemi cognitivi e logici che si utilizzano sotto l’effetto di sostanze. Le alterazioni funzionali vengono memorizzate e spesso sono collegate a variazioni più profonde della struttura cerebrale. Con la brochure “Cervello, mente e droghe. Struttura, funzionamento e alterazioni droga-correlate”, scaricabile a questo link, il Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, intende fornire informazioni scientifiche relative al normale funzionamento del sistema nervoso umano e ai cambiamenti nella struttura e nel funzionamento conseguente alla compromissione delle funzioni neuropsicologiche nei soggetti che fanno uso di droghe.  Specifica attenzione è stata rivolta ai giovani, il cui cervello completa il processo di maturazione solo dopo i 21 anni. Durante questo processo le cellule cerebrali risultano particolarmente sensibili e la loro fisiologica e naturale maturazione possono venire facilmente alterate e deviate dai forti stimoli provenienti dall’esterno, quali quelli prodotti dalle sostanze psicoattive. Risultano in particolare messe a rischio le più importanti funzioni neuropsichiche e di interazione, come la capacità di giudizio, la comprensione della realtà, la memorizzazione e l’apprendimento, il controllo del comportamento, la capacità decisionale e relazionale. L’uso di qualsiasi droga interferisce con il normale funzionamento cerebrale, alterando percezioni, pensieri, azioni e soprattutto la capacità di memorizzare e ricordare. 

“Il cervello e le sue funzioni – ha dichiarato Giovanni Serpelloni, capo del DPA – svolgono un ruolo essenziale nello sviluppo del pensiero critico, nell’espressione e nella formazione della propria consapevolezza. Anche per questa ragione risulta quindi essenziale preservare e promuovere la condizione di salute del cervello dei più giovani e coinvolgerli direttamente in attività di prevenzione per far comprendere loro la necessità di mantenere comportamenti sani e di modificare stili di vita errati per il proprio benessere psico-fisico e la propria salute mentale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: