La lezione della ri-elezione


di Luigi Alici

Nessuno più di me è felice della rielezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica, al quale voglio rinnovare, insieme alla stragrande maggioranza del cittadini, stima e gratitudine sconfinate. Custodisco come uno dei ricordi più alti del mio percorso professionale l’aver tenuto alla sua presenza la lectio magistralis nel corso della inaugurazione dell’anno accademico nella mia università, lectio seguita da una sua interlocuzione attenta e intelligente. Eppure non riesco ad essere felice. Ieri sera, dietro l’emozione, m’è parso persino di cogliere nella sua figura un tratto di stanchezza nemmeno troppo dissimulata.

Non riesco ad essere felice: il respiro di sollievo dinanzi allo scampato pericolo non riesce a coprire il buco nero che c’è dietro. Provo a riassumerne, a caldo, alcuni aspetti in modo molto schematico:

Dilettantismo irresponsabile: abbiamo visto presunti leader di partito disposti a tutto, in un attivismo frenetico e infantile, pur di intestarsi la soluzione e agitarla come un trofeo alle prossime elezioni (PS. Quando qualcuno di loro non era ancora nessuno e si è fatto strada giocando benissimo il gioco di chi le spara più grosse, non gli sono mai mancati i megafoni della stampa: magari molti media dovrebbero interrogarsi sulle persone che hanno allevato…)

Opportunismo ipocrita: quanti, non avendo il coraggio di dirsi pubblicamente contrari all’elezione dell’attuale premier, continuavano a tesserne lodi sperticate, per farlo restare dove sta? Puure, quanti non hanno avuto il coraggio di riportare con i piedi per terra il fondatore di Forza Italia, con il retropensiero di presentarsi come salvatori della patria dopo il suo tracollo? Ma soprattutto: quanti teorici sfegatati del potere al popolo, sempre pronti a invocare elezioni anticipate, questa volta hannpo continuato a dirsi contrari invocando l’interesse del paese, con ben altri retropensieri di bassa cucina, relativi al proprio scranno in Parlamento?

Ambizioni patetiche: quanti autocandidati fino all’ultimo hanno tenuto in ostaggio il parlamento? Non solo il fondatore di Forza Italia, ma la seconda carica dello Stato che chiede per sms di essere votata e che soprattutto continua a presiedere una seduta pur essendo candidata e a usare il cellulare durante lo spoglio delle schede? Questo, a mio avviso, è stato il punto più basso: oltre al buonsenso, bastava un po’ di attenzione al precedente di Scalfaro, candidato poi eletto, che nel 1992 lasciò lo scranno al vicepresidente Rodotà.

continua a leggere qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria @ La Statale

Risorse web per la storia, novità ed eventi della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Università degli Studi di Milano

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: