Ceccano per Haiti, sconvolta dalla violenza, un drammatico messaggio di P. Enzo del Brocco


Cari amici, 25 anni fa, il 13 aprile 1996, vigilia della II domenica di Pasqua, fui ordinato sacerdote con Salvatore Crino a Ceccano nella parrocchia di Santa Maria a Fiume. Non avrei mai immaginato di festeggiare questo anniversario durante una pandemia con blocchi, coprifuoco, maschere, distanziamento sociale, ecc .. .La lettura del Vangelo (Gv 20,19-31) di quel giorno è rimasta per sempre radicata nel mio cuore e ogni anno il suo significato si espande e si approfondisce. I discepoli sono “sequestrati” dalla paura, Gesù entra attraverso le porte chiuse, annuncia la pace, provoca la gioia, si toccano le ferite che ci guariscono, viene dato lo Spirito Santo e il perdono diventa la nostra missione. I ricordi sono così vivi e guardando le foto di quel giorno, mi rendo conto ancora di più di quanto Dio sia misericordioso. Penso ai sogni e alle speranze che avevo. Pochissimi si sono avverati, ma molti altri inaspettati, immeritati e più grandi sono accaduti! Sono stati davvero 25 anni di sorprese, gioie e dolori, miracoli e sconfitte, momenti piacevoli e spiacevoli. Sono grato a ciascuno e non escluderei nessuno di loro, in particolare quelli amari e quelli che hanno messo a nudo le mie debolezze, perché in realtà sono stati per me fonte di grazia e misericordia, di comprensione e riorientamento, conversione e riallineamento. Ogni giorno è stato un giorno di grazia, in particolare i giorni in cui ho vissuto ad Haiti. Sei anni di misericordia traboccante che hanno veramente rimodellato la mia comprensione di Dio e di me stesso. Attraverso il suo “corpo” in Haiti mi ha permesso di “toccare” le sue ferite e di stendere la mia mano nel suo fianco in un modo unico. Le parole: “Mio Signore e Mio Dio” hanno assunto per me un significato completamente nuovo. Attraverso il popolo santo di Haiti, Dio mi ha preso per mano e condotto attraverso il “deserto” nella “terra promessa” di solidarietà e condivisione. Le “pietre scartate” dalla società e le sue strutture economiche ingiuste e le barriere culturali mi hanno aiutato a “ricostruirmi” sulla “Pietra angolare” e diventare insieme a loro una “pietra viva” capace di dare “acqua” a chi ha sete di vita e di gioia . Seppellire i corpi di persone sconosciute e soprattutto di tanti piccoli mi ha permesso di scoprire il significato profondo della dignità umana, come siamo tutti collegati e che io sono chiamato a dare voce a chi non ha voce e speranza a chi non ha speranza. Prima della pandemia, le mie sorelle e i miei fratelli haitiani, in particolare i disabili, mi hanno insegnato come non possiamo salvarci da soli, a non vergognarci delle mie vulnerabilità e imparare a vivere in “kombit” (lavoro collaborativo). Ho imparato a vedere Cristo nei più vulnerabili, ad ascoltare senza giudicare, a prendermi cura senza pretendere nulla in cambio, a camminare insieme e non mollare mai. Mi hanno insegnato il potere della tenerezza e dell’incontro. Le mie sorelle haitiane mi hanno mostrato il volto materno di Dio, la forza di portare in grembo, partorire e crescere i bambini nonostante tutte le avversità. La loro compassione e le loro lacrime hanno veramente intenerito il mio cuore, smussato gli angoli spigolosi e mi hanno insegnato come anche quando non è possibile curare puoi sempre prenderti cura. Era mio profondo desiderio celebrare questa settimana con loro, ma i terribili eventi dei sequestri di persona, in particolare l’ultimo ieri di 5 sacerdoti e due suore, mi hanno “costretto” questa mattina stessa a rimandare il mio viaggio. Ciò che mi rattrista non è l’incapacità di festeggiarlo o rimandarlo a un’altra data, ma il fatto che questo paese, il grido dei miei fratelli e sorelle haitiani, è spesso inascoltato o ignorato. Tanti sequestri sono avvenuti negli ultimi anni e ora che due stranieri sono tra loro è diventata improvvisamente una notizia! Gli antenati delle nostre sorelle e dei nostri fratelli haitiani sono stati sequestrati in Africa e la loro libertà è costata così tanto che ne stanno ancora pagando le conseguenze. L’intero Paese è stato “sequestrato” per centinaia di anni da debiti insopportabili e continua ad esserlo per l’avidità di chi invece dovrebbe guidare il proprio popolo verso la libertà e un futuro migliore. Cibo, sanità, istruzione, infrastrutture e imprese locali sono sequestrate da un’economia di esclusione e corruzione. Gli splendidi paesaggi, le spiagge, le foreste e le risorse idriche di Haiti sono sequestrati dallo sfruttamento e inquinamento indiscriminato; la sua anima artistica e musicale è sequestrata dalla violenza e dal dolore, il suo senso di creatività e ospitalità è sequestrato dallo scoraggiamento e dall’isolamento, il suo senso di libertà e comunità è sequestrato dall’oppressione e dall’ingiustizia, il suo orgoglio e la sua gioia sono sequestrati dalla paura e dalla tristezza. Offrirò la mia celebrazione per te, “Ayiti cheri” (cara Haiti), con la speranza di poter festeggiare insieme il prima possibile. Umilmente chiedo a voi, amici miei, di unirvi alla mia voce durante la messa quando il sacerdote invoca il dono della Pace: “Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi Apostoli: Vi lascio la pace, vi do la mia pace, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale pace e l’unità secondo la tua volontà ” La pace sia con te “Ayiti cheri”! Possa il Signore entrare attraverso le porte chiuse e darti la Pace ora!

Chi volesse aiutare P. Enzo poò farlo così Ada Manes Foundation for Children Onlus Sede legale: Piazza Garibaldi 35 65127 Pescara Iban IT85G0200815404000103574683 Specificando nella causale “Per P. Enzo”  .

Chi vuole contattarlo può scrivere a enzodelbrocco@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: