Il virus passerà, che non passi la sua dolorosa lezione


di Luigino Bruni

La vita delle persone è cambiata

Stiamo vivendo un forte momento di sospensione che da un lato all’altro del mondo ci sta accomunando tutti. Qui in Italia la situazione è particolarmente critica e ancora non si può prevedere quando si potrà tornare alla normalità. La situazione non è meno grave in Cina, in Corea e in Iran e in diversi Paesi europei la situazione sta peggiorando giorno dopo giorno. 
La vita delle persone è cambiata: le scuole e le università sono chiuse, le aziende fanno praticare ai dipendenti lo smart-working e si lavora da casa, le metropolitane, i treni, gli aerei sono vuoti. Persino le stazioni di servizio autostradali sono deserte: chi viaggia si sposta evitando di fermarsi per non incorrere in situazioni di possibile contagio. Gli ospedali in certe regioni sono al limite delle loro possibilità.

Anche le aziende oggi stanno soffrendo e non solo quelle legate al turismo che hanno visto la cancellazione quasi completa delle presenze.

Una immensa impotenza

[Sperimentiamo] una immensa impotenza. Abbiamo messo in piedi un sistema economico estremamente vulnerabile. Niente come un virus mostra che il re capitalista è nudo. Come sapeva già Keynes i piedi di argilla del capitalismo sono i sentimenti e le emozioni della gente. I grandi strumenti, i potentissimi mezzi dell’economia e della finanza oggi non possono nulla.

La mano invisibile si è totalmente inaridita e le voci dei suoi paladini zittite.

Se non avessimo salvato qualche residuo del vecchio stato sociale, massacrato dagli amanti delle mani invisibili, saremmo già stati spazzati via da un invisibile parassita.

Il ‘male comune’ fa riscoprire il ‘bene comune’

Ci voleva l’invisibile agli occhi per costringerci ad una quaresima capitalista che i mercati non avrebbero mai fatto spontaneamente, nonostante Greta (è molto bella l’immunità di teens e bambini). Ci voleva un ‘male comune’ per dirci cosa è il dimenticato e deriso ‘bene comune’.

Il virus passerà, che non passi la sua dolorosa lezione. E intanto i cinesi son tornati a riveder le stelle, per uno shabbat forzato da inquinamento. Ciò che non facciamo per amore ogni tanto lo facciamo per dolore.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: