C’era una volta… la città


berg acUna favola a cura della Presidenza Nazionale dell’Ac

C’era una volta … la città. Camminava ormai da anni e secoli, a volte splendida e altera, beandosi dei suoi successi e della incomparabile bellezza degli scorci del suo paesaggio, dei cittadini illustri, delle sue fantastiche potenzialità. A volte procedeva dimessa e piegata, sotto il peso dei suoi scandali, delle povertà nascoste e palesi, dell’incuria, della sporcizia, delle sacche di delinquenza e corruzione che profanavano il suo territorio. Da tempo, però, avvertiva una dolorosa sensazione come di trasparenza, impalpabilità, quasi fosse invisibile agli occhi dei più. Provava a catturare gli sguardi ammirati degli uomini dietro i suoi tramonti, la cura per la struttura architettonica dei suoi edifici, il rispetto grato per la storia dei suoi più bei monumenti, l’amore per le pietre antiche del suo centro storico, l’attenzione alla bellezza nelle espressioni di arte di ieri e di oggi, l’orgoglio per le sue attività produttive… Cercava di cogliere nei numerosi passaggi di giovani, in gruppo o allacciati mano nella mano, nel filosofeggiare degli anziani sulle panchine, nell’andatura frettolosa degli adulti e negli schiamazzi dei bambini un gesto, un atteggiamento, il calco di una carezza grata nei confronti dei suoi parchi, viali, piazze, del verde che a fatica era riuscita a mantenere e preservare. Luoghi e spazi come dono di vita che generava attorno a sé vita, un brulicare di relazioni, incontri, esperienze condivise, semplicemente il regalo della possibilità di stare insieme. Eppure sentiva che il dono non bastava, che era guardato con sufficienza, usato con noncuranza, a volte volutamente sciupato e deturpato.

La città osservò i suoi piedi, le sue periferie, buie, deserte, desolate e sonnecchianti che pure erano il motore della sua storia, la culla del suo futuro, con tutte quelle persone che risiedevano proprio lì, abitavano questo futuro, anche quando sembrava stentare a decollare, confinato nel disagio, nell’assenza di servizi, di collegamenti, di progetti di bellezza. In quel momento le passò accanto un ragazzo, un telefonino in mano e la solitudine addosso. Scivolò via senza guardarla, assorto nel suo soliloquio.

La città allora si guardò le mani, i suoi centri operativi ed operosi, sentì tutta la fatica e l’impegno di chi contribuiva a renderli gangli vitali, creava impresa, investiva in attività, produceva e lavorava onestamente, tra mille impedimenti, tante difficoltà. Percepì quanto ancora tutto questo non bastasse: tanti ancora i disoccupati, gli sfruttati, i sottopagati, i licenziati. Tanti precari e lavoratori a nero. Incrociò un immigrato appostato fuori a un supermercato. Lo sfiorò, ma lui non la vide, né cambiò posizione, lo sguardo basso, la mano tesa, la povertà a fargli compagnia. La città si sentì impotente di fronte alle sue contraddizioni, alla dignità calpestata, allo studio non riconosciuto, incapace di offrire certezze e di frenare esodi disperati.

La città ascoltò il suo cuore, si augurò che battesse forte come un tamburo, in modo che tutti udissero, e che il fulcro, il nucleo della vita politica e istituzionale, il palazzo di Città, ancora fosse capace di parlare alla gente. Nel mentre, le venne incontro una donna, tanto ben vestita quanto impermeabile nella sua indifferenza e tirò dritto senza nemmeno accorgersi della sua esistenza. La città si augurò che il suo grembo fecondo continuasse a generare partecipazione attiva, più che sterile protesta; cultura costruttiva e crescita di pensiero e di confronto, più che rassegnazione e sfiducia.

Improvvisamente la città si fermò e urlò. L’urlo risuonò, rimbalzò per le strade, si moltiplicò in un’eco infinita proiettata da muro a muro, si riversò come un fiume in piena fin nelle case. Per un attimo si fece silenzio, un silenzio carico di stupore, attenzione, attesa: dentro quella bolla di sospensione, la città finalmente incontrò l’uomo, tutto l’uomo, tutti gli uomini: si stagliò ben visibile davanti alle loro coscienze e sussurrò loro tutto il suo desiderio di essere ascoltata, sognata, progettata, riscattata.

Poi la città si voltò, riprese il suo cammino. Fu allora che successe. Tutti si accorsero, le videro quella scritta, trasversale sulla schiena … Fu un colpo per ognuno, la nascita di una nuova consapevolezza, la consegna – silenziosa e parlante – di un affido: tutti, piccoli e grandi, poveri e ricchi, saggi e stolti, credenti e non credenti, lessero chiaramente la scritta che la città recava sulla schiena. Diceva “FRAGILE. Maneggiare con cura”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: