Ceccano, a S. Maria incontro con il mondo


“Siamo fortunati ad essere qui, molti dei nostri compagni dei nostri parenti, genitori, fratelli, figli, sono morti”, così hanno detto alcuni profughi all’inizio di un incontro toccante voluto sabato dal nostro vescovo nel salone parrocchiale di S. Maria a Fiume a Ceccano, quasi una profetica anticipazione della richiesta di papa Francesco di incontrarsi nei saloni parrocchiali.
Storie e dram03-caritas-Diocesana-rifugiatimi a volte poco noti: la ragazza eritrea costretta a fingersi moglie del fratello per non subire violenze in Libia, il ragazzo afgano costretto a viaggiare in un cassone del camion senza poter mai scendere nemmeno per i bisogni corporali, o la donna gambiana che racconta delle violenze subite dalla sua famiglia: tante storie, tanto dolore, tanti drammi, tre lingue, una platea colorata, tante facce insolite per Ceccano, ma molto comuni ormai nelle nostre strade. Di fronte il vescovo di Frosinone, mons. AmbrogioSpreafico, che ha voluto incontrare nella sala parrocchiale di S. Maria gli ospiti delle case di accoglienza che in queste settimane stanno offrendo il primo rifugio a tanti che vengono dal mare, che scappano da situazioni disperate, dalla guerra, dalla fame, dalla violenza. La Caritas di Frosinone oggi ospita nelle sue case d’accoglienza 95 rifugiati, provenienti da Mali, Gambia, Nigeria, Senegal, Eritrea, Afganistan, Siria, Costa d’Avorio. L’incontro è stato organizzato per consentire alle comunità ecclesiali di rendersi conto di quanto la caritas diocesana faccia per i rifugiati assegnati alla diocesi di Frosinone. La caritas accoglie gli immigrati sapendo che si tratta soltanto di un momento provvisorio prima che tutti possano riprendere la loro strada. Per questo la caritas non si preoccupa soltanto di sfamarli e vestirli ma li inserisce nelle scuole, nelle attività lavorative e anche in quelle sportive. Tanti volontari delle parrocchie si sono coinvolti in questi mesi con generosità e amore per consentire a questi amici giunti da lontano di trovare accoglienza.

Nella sala parrocchiale di S. Maria sabato sera c’era il mondo, il mondo della globalizzazione, il mondo dei profughi, il mondo degli scampati al cimitero d’acqua del mediterraneo, il mondo di quelli che si sono affidati agli scafisti. Alla fine dell’incontro il vescovo si è rivolto ai rifugiati: “Avete lasciato il vostro paese per l’l’insopportabilità, la guerra, la povertà, il dolore e la sofferenza vostra e delle vostre famiglie. Vi accogliamo con affetto e con amicizia come fece Abramo con i tre uomini che arrivarono alla sua tenda, come racconta il libro della Genesi, il primo della Bibbia. Abramo, il padre dei credenti, come lo chiamano cristiani e musulmani. Invece di avere paura dei tre che si avvicinavano – e nel deserto potevano essere nemici o briganti – Abramo li accoglie: noi abbiamo voluto fare lo stesso con voi, non abbiamo paura di voi, vi accogliamo come amici. In questi ultimi giorni in Italia non sempre c’è stata accoglienza, ma disprezzo e persino violenza. Siamo qui per dirvi che vi consideriamo degli amici.” Abramo, ha concluso il vescovo, quando accoglie i tre stranieri riceve la benedizione di Dio nel figlio che la moglie inaspettatamente rice02-caritas-Diocesana-rifugiative in dono; quando uno accoglie un altro con amicizia riceve sempre la benedizione di Dio e chi viene accolto diventa egli stesso una benedizione per chi accoglie. Noi siamo stati una benedizione per voi perché vi abbiamo accolto, ma anche voi siete una benedizione per noi. Avete qui tanti amici, sacerdoti, volontari, che vogliono aiutarvi a vivere insieme a noi, a conoscere il nostro paese, la nostra lingua, il nostro spirito di accoglienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: