Il mundial dimenticato


Forse non tutti sanno che nel 1942, quando infuriava la Seconda guerra mondiale, quando Stalingrado veniva contesa tra russi e nazisti, si svolse in un altro angolo del mondo un campionato di calcio. Non uno qualunque: la Coppa del mondo, la coppa Jules Rimet. Dopo quelle del 1934 e del 1938, vinte dall’Italia. Un campionato del mondo che si svolse in Patagonia, in fondo all’Argentina. E a cui parteciparono Italia, Germania, Cile.

E’ una storia dimenticata, una storia che viene ricostruita dal regista fiorentino Filippo Macelloni e dal pisano Lorenzo Garzella, in un film che è stato presentato alla Mostra del cinema di Venezia. Il film si chiama “Il Mundial dimenticato. La vera incredibile storia dei Mondiali di Patagonia del 1942”. Dura un’ora e mezza. Un’ora e mezza di documenti, testimonianze, rari filmati dell’epoca.

Perché ci fu un cineoperatore che riprese le partite di quel Mondiale. E Macelloni e Garzella sono riusciti a ritrovare quei filmati. E su quella storia leggendaria intervistano campioni di ieri e di oggi: c’è anche la testimonianza di Roberto Baggio. Il campione più geniale del calcio degli anni ’90 racconta che cosa ha sentito dire di questa storia leggendaria. E con lui, vengono intervistati Gary Lineker, l’ex presidente della Fifa Joao Havelange, il campione di calcio e poi dirigente del Real Madrid Jorge Valdano. Vengono intervistate persone che ricordano qualcosa, e alla fine viene scovato uno dei superstiti di quella storia: uno dei calciatori della rappresentativa italiana, oggi ottantenne. Ma vispo. E pronto a raccontare la sua storia.

Il film prosegue, con cinegiornali d’epoca, con sequenze inedite degli archivi di Cinecittà Luce, con fotografie, diari privati, e anche con le immagini di alcuni gol. E di risse che si scatenarono in campo. Di rigori parati. Di azioni bellissime, come una specie di “colpo dello scorpione” fatto non da un portiere, come Higuita fece ai Mondiali, ma da un centravanti, per segnare.

Possibile che nessuno ne abbia mai sentito parlare?

E proprio i due registi, Marcelloni e Garzella, ripetutamente premiati in una serie di festival a partire dalla Mostra del Cinema a Venezia, saranno venerdì 27 aprile, Liceo, per parlarne con gli studenti, dopo la proiezione del film. l’iniziativa è inserita nell’ambito del Progetto Pindarus, per la promozione della cultura sportiva tra i giovani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: