Ceccano, 78 anni fa la battaglia, 28-31 maggio 1944


Dopo lo sfondamento della Linea Gustav, il 18 maggio, nei giorni successivi i reparti alleati risalivano verso Roma, contrastati dalle forze germaniche che fecero di Ceccano l’ultimo baluardo prima di lasciare la capitale. Le forze alleate avanzano con i reparti americani sulla costa, quelli del Corpo di Spedizione Francese, legione straniera e divisioni coloniali sulla riva destra del Sacco, i Canadesi su quella sinistra. Quei terribili giorni sono stati ricordati ieri pomeriggio a Santa Maria a fiume nel convegno Il fiume racconta dell’Associazione famiglia Futura, guidata da Manuela Maliziola. Quesi giorni terribili sono stati raccontati da Angelino Lofferdi che ha dedicato tanti anni alla ricostruzione dei fatti tramite gli archivi diocesani: le fasi più dure della battaglia ci furono il 28 quando i tedeschi respinsero le truppe coloniali francesi al Rifugio e poi fecero saltare in aria tutto il quartiere insieme al Palazzo Berardi, al ponte e alla stazione ferroviaria. I francesi allora piegarono l’offensiva verso il Fiano e via Aia del Tufo da dove, a prezzo di durissime perdite riuscirono a penetrare nel centro urbano, mentre la battaglia si spostava sui colli pià alti di Ceccano, il Boschetto e il Morrone, ad ovest della città. I boschi di quelle località sono ancora oggi la tomba di tanti giovani tedeschi e africani. A sinistra del Sacco avanzavano invece i Canadesi che il 30 maggio arrivarono alla Borgata, dopo essersi scontrati con i tedeschi a Colle Antico, al Casale Berardi. Nel frattempo la città si era svuotata, tutti erano fuggiti, sfollati in campagna. Le violenze sulla popolazione civile iniziarono il 1° giugno. A Ceccano risultano 60 denunce di violenze da parte delle truppe coloniali francesi, tutte verificatesi lungo la sponda destra del Sacco. Loffredi ha ricordato anche il grande contributo dei sacerdoti nell’aiutare la popolazione civile, nel momento in cui le autorità podestali si erano completamente eclissate, nel probabile tentativo di sottrarsi all’arresto. Insieme a Loffredi sono intervenuti il prefetto emerito Cesari, che ha ricordato il ruolo del santuari nella storia di Ceccano, il sindaco emerito di Veroli, Giuseppe D’Onorio, che ha ricostruito quegli eventi grazie ai suoni delle campane, e poi l’arch. Luigi Compagnoni, che ha affrontato il tema dei soldati ceccanesi partiti per la guerra e prigionieri deportati nei posti più lontani, dall’Himalaja, all’Australia, alla Scozia. E ancora Alessandro Ciotoli di Indiegesta che ha raccontato delle testimonianze raccolte sul bombardamento di Ceccano del novembre del 43. Nel filmato potete vedere la prima testimonianza diretta sui quei giorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria @ La Statale

Risorse web per la storia, novità ed eventi della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Università degli Studi di Milano

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: