Ceccano, recovery fund, ultimo treno per la ripresa


di Gerardo Masi*

Leggo sui giornali che nell’ultimo consiglio comunale di Ceccano è stato presentato un “Piano di crescita  urbana”; l’ho letto con entusiasmo data la condizione di sofferenza del bilancio preventivo a tre anni e la  precaria situazione economica e demografica del paese.  Debbo però constatare che trattasi solamente di una “ idea di futuro” espressa anche in modo frettoloso,  mancante di un chiaro orizzonte temporale e senza un adeguato confronto con gli operatori economici  eventualmente interessati.  Comunque ogni idea che serva ad invertire la tendenza al declino della nostra città va accolta con favore,  purché contenga una REALE ED IMMEDIATA capacità di attuazione, stante l’attuale situazione del paese. 

Strade dissestate, edifici del centro storico in forte degrado strutturale (Palazzo Bovieri), segnaletica  stradale e civica cancellata, piazze irriconoscibili, tratti del territorio privi di rete fognante, nuove  costruzioni sorte senza il minimo rispetto dell’estetica e delle caratteristiche urbanistiche esistenti, scuole  da ristrutturare; a ciò infine si aggiunge la preoccupante situazione economica e finanziaria.  Il cittadino è stanco di sentirsi ripetere, ad ogni sua pur minima richiesta di intervento, la solita frase “non  ci sono i fondi”. La risposta, invece, è nel RECOVERY FUND, unica vera e concreta possibilità. Parte di questi provvedimenti finanziari infatti, saranno diretti agli Enti locali, mediante progetti di minori  dimensioni rispetto alle grandi città. Occorre certamente una funzionalità immediata da parte della  struttura tecnica comunale, in grado di poter gestire i progetti e la relativa rendicontazione. Non possiamo permetterci di fallire questa occasione poiché per Ceccano questa sarà l’unica ed ultima e  senza precedenti. Se non si lavora immediatamente, comuni come il nostro, più necessitati che altri,  verranno penalizzati a favore di altre Amministrazioni più efficienti. Occorre quindi preparare progetti  definitivi tecnicamente e dettagliati nei riferimenti finanziari ed economici. Si tratta questa volta di cogliere velocemente una occasione irripetibile, e su cui la classe politica ceccanese,  spesso distratta da questioni di breve respiro, è chiamata a cimentarsi al fine di far uscire Ceccano dalle  sacche dell’immobilismo. 

Il recovery fund è davvero l’ultimo treno

*commercialista 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: