Ceccano, essere cAccAnese è una cultura da battere, adotta una cunetta


Maestra, maestra. Il bambino alza entusiasta la mano, dopo l’appassionante spiegazione della sua maestra sul perché dobbiamo curare la raccolta differenziata, cosa va qui, cos’altro di qua. Dimmi, Marco (nome di fantasia, ndr.): papà fa diversamente – racconta il bambino – mette tutto in un sacco nero, poi usciamo in macchina e lui lo lancia dal finestrino. La candida testimonianza (vera, ndr.) di un bambino di una scuola dell’infanzia di Ceccano dimostra quanto sia radicata la cultura cAccAnese che fa sì che dentro casa sia tutto perfetto, tirato a lucido, e fuori ci possa essere l’immondizia ogni dove. I volontari che hanno partecipato domenica scorsa alla raccolta di Ceccano Plastic Free si sono finalmente resi conto della dimensione del problema: non c’è frattone, boscaglia, cunetta, per non parlare dei boschi di più ampie dimensioni, a non essere stati considerati nel corso di decenni come vere e proprie discariche in cui liberarsi dei rifiuti. Per fortuna, alla raccolta hanno partecipato anche amministratori pubblici, addirittura un sottosegretario nel governo in carica, per cui speriamo il segnale possa portare all’adozione di vere e proprie campagne di pulizia con i mezzi adeguati in maniera organica. Certo, oggi la sensibilità per il rispetto dell’ambiente è aumentata, come dimostrano i risultati della raccolta differenziata che andrebbero ancor più fatti conoscere, ma la testimonianza del bambino è rivelatrice: le nostre campagne, e non solo, pullulano di rifiuti abbandonati, pericolosi per l’ambiente ma soprattutto capaci di sviluppare fumi tossici nel caso di incendi boschivi. Adottiamo un pezzetto di strada, una cunetta, una macchia, puliamola e teniamola pulita, magari il comune potrebbe tenere un registro delle adozioni, lanciare un programma, che so… “adotta una cunetta”… In questo modo terremo pulito il nostro territorio e potremo collaborare per eliminare i rifiuti che sono lì da decenni.

rifiuti abbandonati ieri in via Starnelle, ai confini fra Ceccano e Arnara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: