Formia, il sangue, il coltello, la morte, Romeo come Willy ed Emanuele


La morte violenta di Romeo, un giovane diciassettenne, ucciso a Formia, secondo l’accusa, da un suo coetaneo ci riporta drammaticamente ai fatti di Alatri e di Colleferro di pochi mesi fa. Ecco una riflessione dell’Azione Cattolica Regionale:

La morte di un ragazzo lascia sempre increduli. La morte di un ragazzo, colpito presumibilmente da un  altro giovane e in un contesto ancora non chiarissimo, lascia ancora più increduli.  In queste ore l’incredulità ha preso il sopravvento sulla realtà e ora siamo tutti più fragili. Tutti, nessuno  escluso. Meno di un anno fa eravamo qui a riflettere sulla morte, anche in quel caso avvenuta barbaramente, di  un altro giovane ragazzo. Anche questo episodio drammatico che ha colpito Romeo, come quello di Willy,  è una questione di mani.  E allora vogliamo riprendere alcune parole dell’assistente e dei  vicepresidenti giovani di Azione Cattolica: 

“[…] Noi siamo le nostre mani: meno si abituano ad aprirsi e a stringere altre mani e più si chiudono a  riccio, moltiplicando disumanità e violenza. […] L’educazione non passa attraverso grandi rivoluzioni o  astratti proclami: si gioca nei gesti più comuni, quelli che troppo spesso riteniamo periferici, secondari,  come le movenze delle nostre mani, che possono invece salvare o uccidere. Educare è riabilitare le mani a  riconoscere la dignità dell’altro, la ricchezza della sua differenza; significa allenarle ad una forza che non  sta nell’arroganza, ma nel coraggio di prendersi cura dell’altro […]”

Ora, però, non c’è bisogno di proclami. Non cambierebbero il passato e riaprirebbero soltanto  ulteriormente le ferite di chi Romeo lo ha amato. Ora c’è bisogno di silenzio. Quel silenzio che possa  davvero portarci alla riflessione, al discernimento e alla conversione.  

Sì, la conversione. Oggi che inizia il percorso della Quaresima, siamo tutti chiamati al silenzio e alla  conversione. Anche chi ha utilizzato quelle mani per agguantare un’arma, ferire a morte un giovane,  ferire a morte una famiglia e ferire a morte una comunità.

qui la cronaca di quanto avvenuto dal sito di fanpage.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: