Frosinone, la tac non ce la fa, ma a Ceccano ce n’è una inutilizzata


Ci scrive una lettrice: riaprono ospedali anche solo per questa emergenza? Va bene … ma una tac ferma non ce la possiamo permettere. Quando in tutta Italia stanno sfruttando tutto ciò che si ha a disposizione e si donano macchinari… noi, a Ceccano, ne abbiamo uno e potente… fermo. Che vergognoso paradosso!

La gentile lettrice fa riferimento alla tac montata a Ceccano all’inizio degli anni 2000, ed ora lì inutilizzata… mentre alcuni giorni fa un autorevole quotidiano riportava le attuali difficoltà dello Spaziani di Frosinone in campo contro il Covid con una sola TAC.

Una risposta a "Frosinone, la tac non ce la fa, ma a Ceccano ce n’è una inutilizzata"

Add yours

  1. Mi permetta di dissentire: la tac a Ceccano non è la stessa montata nel 2006, bensì una montata o meglio, smontata in una clinica di Roma acquistata e rimontata a Ceccano nel 2019.
    Tale apparecchiatura risulta essere di concezione e generazione precedente a quella montata nello stesso nosocomio in precedenza: ad esempio è sprovvista dei dispositivi di risparmio dose al paziente. C’ è da aggiungere inoltre che nella struttura di Ceccano non è mai presente l’anestesista e pur volendo, tralasciando altre carenze croniche di presidi, dispositivi e di personale, risulta impossibile effettuare esami con mezzo di contrasto.
    Mi preme poi precisare che l’ospedale Spaziani e provvisto di tre apparecchi tac, tutti pienamente funzionanti anche in questa fase di emergenza, ma soltanto uno, quello presente presso il DEA, è stato adibito per esami con positivi covid e/o sospetti tali, proprio per tutelare i pazienti, gli operatori e per ridurre al minimo i vettori di contagio.
    Notizie come quella riportata in questo articolo, soprattutto in una fase delicata come questa e in un periodo storico così triste non fanno altro che esacerbare gli animi già provati dei nostri conterranei, giustamente costretti in quarantena ma che possono comunque star tranquilli che tutto quello che può essere fatto a loro tutela, è messo in atto da persone competenti e responsabili.
    Mi duole altresì segnalare che tali notizie, in qualità di operatore della sanità, non rendono il giusto merito a chi come noi, sta mettendo in atto sforzi oltre le normali capacità fisiche, psichiche ed umane, privando chi vive nelle nostre stesse mura anche di un semplice abbraccio per la paura di contagiare quanto abbiamo di più caro al mondo.
    Con immutata stima ed affetto, Ferdinando Lombardi, tecnico di radiologia e suo ex alunno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: