Papa Francesco sotto la pioggia: famiglia di Dio


Sberg11iamo un’unica famiglia”. Lo ha affermato questa mattina Papa Francesco all’udienza generale celebrata in Piazza San Pietro di fronte a oltre 90 mila persone, con la quale ha inaugurato un nuoco ciclo di catechesi sul mistero della Chiesa. Un’udienza caratterizzata a tratti da una pioggia intensa, sopportata dal Papa sulla jeep scoperta senza alcun riparo. Al termine dell’udienza, il Pontefice ha invitato i fedeli alla Messa solenne delCorpus Domini, che presiederà domani sera in San Giovanni in Laterano. Il servizio di Alessandro De Carolis: La figura bianca di Papa Francesco sulla jeep, che saluta e prende i saluti, regala e riprende lo zucchetto, e soprattutto prende tutta la pioggia senza un ombrello sulla testa e senza nessuna fretta di ripararsi, nessuno probabilmente l’aveva mai vista. La vede, stupito, il resto del mondo alla tv e soprattutto la vedono i 90 mila che affollano Piazza San Pietro, assembrati come una testuggine romana sotto gli ombrelli e che per prima cosa si sentono dire, loro, dal Papa:“Avete mostrato coraggio sotto la pioggia. Siete bravi, eh?”.Il Papa fradicio di pioggia che non pensa a sé ma a chi è venuto ad ascoltarlo, che guadagna la tettoia senza un cenno d’impazienza e senza che l’acqua che lo bersaglia spenga il suo sorriso pieno di calore, diventa d’istinto la personificazione di quel Padre buono di cui, poco dopo, parlerà durante la catechesi. Il tema del giorno è semplice e chiaro: spiegare come la Chiesa sia “famiglia di Dio”

. La riflessione di Papa Francesco si snoda fino al punto in cui afferma – con la consueta, amabile sincerità – che anche in chi compone la Chiesa, Pastori e fedeli, si annidano miserie piccole e grandi:“Ci sono difetti, imperfezioni, peccati, anche il Papa li ha e ne ha tanti, ma il bello è che quando noi ci accorgiamo di essere peccatori, troviamo la misericordia di Dio, il quale sempre perdona. Non dimenticatelo: Dio sempre perdona e ci riceve nel suo amore di perdono e di misericordia. Alcuni dicono che il peccato è un’offesa a Dio, ma anche un’opportunità di umiliazione per accorgersi che c’è un’altra cosa più bella: la misericordia di Dio. Pensiamo a questo”.La gente pensa e soprattutto vede il Pastore lievemente scarmigliato rassicurare sulla bontà di Dio, come il padre della parabola che non rimprovera, anzi abbraccia il figlio che è tornato da lui. Perché il progetto di Dio, spiega Papa Francesco…“… è fare di tutti noi un’unica famiglia dei suoi figli, in cui ciascuno lo senta vicino e si senta amato da Lui, come nella parabola evangelica, senta il calore di essere famiglia di Dio”. In questo “grande disegno”, prosegue Papa Francesco, “trova la sua radice la Chiesa, che non è – afferma – un’organizzazione nata da un accordo di alcune persone”, ma come tante ricordato da Benedetto XVI, un’opera di Dio che nasce “da questo disegno di amore” e “si realizza progressivamente nella storia”:“La Chiesa è famiglia in cui si ama e si è amati (…) Ancora oggi qualcuno dice: ‘Cristo sì, la Chiesa no’. Come quelli che dicono ‘io credo in Dio ma non nei preti’. Ma è proprio la Chiesa che ci porta Cristo e che ci porta a Dio (…) Chiediamo al Signore, in modo del tutto particolare in quest’Anno della fede, che le nostre comunità, tutta la Chiesa, siano sempre più vere famiglie che vivono e portano il calore di Dio”.Il tema della Chiesa come famiglia ha suggerito preghiere e auspici a Papa Francesco, durante la sintesi della catechesi in altre lingue. Ai giovani polacchi ha indicato Dio come “modello di ogni paternità” soggiungendo: “La paternità è un dono di Dio e una grande responsabilità per dare una nuova vita, la quale è un’irripetibile immagine di Dio. Non abbiate paura di essere genitori”. Con i fedeli francesi, il messaggio del Papa è diretto alla realtà della Chiesa nel suo insieme ed è uno sprone a sentirvisi figli, ma anche custodi:“Amate la Chiesa come l’ha amata Gesù che ha donato ad essa la sua vita e le ha comunicato tutto il suo amore. Non esitate a difenderla, a spendervi per essa, a mettervi al suo servizio, a renderla più fraterna e più accogliente”.L’ultimo invito è rivolto ai fedeli di Roma e a tutti i pellegrini e riguarda la festa del Corpus Domini, che domani alle 19 vedrà Papa Francesco sull’altare della Basilica di San Giovanni in Laterano per la Messa solenne e poi alla guida della processione fino a Santa Maria Maggiore. Si tratta, conclude il Papa, di “atto di profonda fede verso l’Eucaristia che costituisce il più prezioso tesoro della Chiesa e dell’umanità”. “un’unica famiglia”. Lo ha affermato questa mattina Papa Francesco all’udienza generale celebrata in Piazza San Pietro di fronte a oltre 90 mila persone, con la quale ha inaugurato un nuoco ciclo di catechesi sul mistero della Chiesa. Un’udienza caratterizzata a tratti da una pioggia intensa, sopportata dal Papa sulla jeep scoperta senza alcun riparo. Al termine dell’udienza, il Pontefice ha invitato i fedeli alla Messa solenne delCorpus Domini, che presiederà domani sera in San Giovanni in Laterano. Il servizio di Alessandro De Carolis: La figura bianca di Papa Francesco sulla jeep, che saluta e prende i saluti, regala e riprende lo zucchetto, e soprattutto prende tutta la pioggia senza un ombrello sulla testa e senza nessuna fretta di ripararsi, nessuno probabilmente l’aveva mai vista. La vede, stupito, il resto del mondo alla tv e soprattutto la vedono i 90 mila che affollano Piazza San Pietro, assembrati come una testuggine romana sotto gli ombrelli e che per prima cosa si sentono dire, loro, dal Papa:“Avete mostrato coraggio sotto la pioggia. Siete bravi, eh?”.Il Papa fradicio di pioggia che non pensa a sé ma a chi è venuto ad ascoltarlo, che guadagna la tettoia senza un cenno d’impazienza e senza che l’acqua che lo bersaglia spenga il suo sorriso pieno di calore, diventa d’istinto la personificazione di quel Padre buono di cui, poco dopo, parlerà durante la catechesi. Il tema del giorno è semplice e chiaro: spiegare come la Chiesa sia “famiglia di Dio”. La riflessione di Papa Francesco si snoda fino al punto in cui afferma – con la consueta, amabile sincerità – che anche in chi compone la Chiesa, Pastori e fedeli, si annidano miserie piccole e grandi:“Ci sono difetti, imperfezioni, peccati, anche il Papa li ha e ne ha tanti, ma il bello è che quando noi ci accorgiamo di essere peccatori, troviamo la misericordia di Dio, il quale sempre perdona. Non dimenticatelo: Dio sempre perdona e ci riceve nel suo amore di perdono e di misericordia. Alcuni dicono che il peccato è un’offesa a Dio, ma anche un’opportunità di umiliazione per accorgersi che c’è un’altra cosa più bella: la misericordia di Dio. Pensiamo a questo”.La gente pensa e soprattutto vede il Pastore lievemente scarmigliato rassicurare sulla bontà di Dio, come il padre della parabola che non rimprovera, anzi abbraccia il figlio che è tornato da lui. Perché il progetto di Dio, spiega Papa Francesco…“… è fare di tutti noi un’unica famiglia dei suoi figli, in cui ciascuno lo senta vicino e si senta amato da Lui, come nella parabola evangelica, senta il calore di essere famiglia di Dio”. In questo “grande disegno”, prosegue Papa Francesco, “trova la sua radice la Chiesa, che non è – afferma – un’organizzazione nata da un accordo di alcune persone”, ma come tante ricordato da Benedetto XVI, un’opera di Dio che nasce “da questo disegno di amore” e “si realizza progressivamente nella storia”:“La Chiesa è famiglia in cui si ama e si è amati (…) Ancora oggi qualcuno dice: ‘Cristo sì, la Chiesa no’. Come quelli che dicono ‘io credo in Dio ma non nei preti’. Ma è proprio la Chiesa che ci porta Cristo e che ci porta a Dio (…) Chiediamo al Signore, in modo del tutto particolare in quest’Anno della fede, che le nostre comunità, tutta la Chiesa, siano sempre più vere famiglie che vivono e portano il calore di Dio”.Il tema della Chiesa come famiglia ha suggerito preghiere e auspici a Papa Francesco, durante la sintesi della catechesi in altre lingue. Ai giovani polacchi ha indicato Dio come “modello di ogni paternità” soggiungendo: “La paternità è un dono di Dio e una grande responsabilità per dare una nuova vita, la quale è un’irripetibile immagine di Dio. Non abbiate paura di essere genitori”. Con i fedeli francesi, il messaggio del Papa è diretto alla realtà della Chiesa nel suo insieme ed è uno sprone a sentirvisi figli, ma anche custodi:“Amate la Chiesa come l’ha amata Gesù che ha donato ad essa la sua vita e le ha comunicato tutto il suo amore. Non esitate a difenderla, a spendervi per essa, a mettervi al suo servizio, a renderla più fraterna e più accogliente”.L’ultimo invito è rivolto ai fedeli di Roma e a tutti i pellegrini e riguarda la festa del Corpus Domini, che domani alle 19 vedrà Papa Francesco sull’altare della Basilica di San Giovanni in Laterano per la Messa solenne e poi alla guida della processione fino a Santa Maria Maggiore. Si tratta, conclude il Papa, di “atto di profonda fede verso l’Eucaristia che costituisce il più prezioso tesoro della Chiesa e dell’umanità”.

Una risposta a "Papa Francesco sotto la pioggia: famiglia di Dio"

Add yours

  1. Sono stata felice di essere lì in quel momento tra i 90mila fedeli, nell’orgoglio di essere Cristiana. Vorrei sentire le parole del Santo Padre all’infinito per trarre coraggio e pazienza “la Grande Virtù” che porta alla Speranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: