Evasione fiscale, diminuiscono i “furbetti” dell’Iva, aumentano quelli dell’Irpef


Ogni volta che al ristorante ci portano quell’affarino che sembra uno scontrino ma non lo è (c’è scritto, di solito, per lo scontrino fiscale rivolgersi alla cassa…) stanno per evadere il fisco, stanno per rubare a tutti una parte del patrimonio pubblico. Non pagheranno le tasse per ospedali, scuole, trasporti, tasse che dovranno essere pagate da tutti gli altri. La dimensione del fenomeno dell’evasione fiscale è fotografata dalla Relazione sull’economia non osservata e sull’evasione fiscale e contributiva – redatta da un’apposita Commissione – che contiene, da ormai quasi 10 anni a questa parte, la stima del tax gap assoluto  e relativo. Si legge su lavoce.info: Il gap è la differenza tra quanto lo stato riceve e quanto avrebbe dovuto ricevere. Il gap Iva continua a diminuire, e se ne prevede la riduzione al 19,3 per cento nel 2020, ovvero 8 punti in meno rispetto al 2014. Dall’altro lato, il gap Irpef per la parte relativa ai redditi da lavoro autonomo e da impresa individuale continua, invece, ad aumentare, e nel 2020 si prevede raggiunga il 68,7 per cento contro il 63,9 per cento del 2014.

Negli ultimi anni sono stati varati molti provvedimenti – lo split payment, la fatturazione elettronica, le iniziative di incentivo all’adempimento spontaneo – che sono efficaci nel ridurre l’evasione dell’Iva senza consenso. Si tratta dell’evasione che avviene lungo la catena di distribuzione e produzione, senza che fornitore e cliente siano perfettamente concordi sulle modalità e sulla quantità di evasione e che quindi, proprio in mancanza di questo consenso, lascia tracce che possono essere sfruttate, incentivando la parte che evade maggiormente a correggere il proprio comportamento o sottoponendola a un controllo fiscale.

In linea teorica, contrastando questa forma di evasione dell’Iva si riduce anche l’evasione delle imposte dirette, ma quest’ultima risente fortemente dell’evasione con consenso, che si ha quando fornitore e cliente sono perfettamente allineati nel comportamento evasivo. Avviene, in particolare, nelle vendite di beni e servizi al consumatore finale, quando non viene emesso alcuno scontrino o fattura o quando l’importo fiscale della transazione è inferiore a quello effettivo.

Potete trovare info e dati qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria @ La Statale

Risorse web per la storia, novità ed eventi della Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica, Università degli Studi di Milano

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: