Ceccano, l’Harmonie Messe di Haydn, domenica 24 febbraio, ore 18,45, per vincere la morte


Nella Vienna occupata dai Francesi, Franz Joseph Haydn, nel 1802, al culmine della sua luminosa carriera, compone la Harmoniemesse, un inno alla pace, alla concordia, alla fine della guerra. In quegli anni la capitale dell’impero austriaco vive uno di quei periodi storici in cui maggiormente si esprime il genio. I viennesi hanno ascoltato contemporaneamente la musica di Mozart, quella di Haydn e ora anche di Beethoven: uno straordinario caleidoscopio di creazione artistica, di innovazione, di genialità che trova nell’Harmoniemesse un’alta espressione. Il settantenne compositore la scrive su commissione del principe Esterhazy, in occasione  del compleanno di una delle figlie,  Maria Ermenegilda.  Ciò che caratterizza per lo più questa messa è la gioia che essa esprime, scrive Mariagrazia Molinari nella presentazione del concerto, non vi sono mai  momenti con sonorità cupe che portano l’animo dell’ascoltatore ad intristirsi; avviene tutto il contrario ogni momento trasmette all’uomo la magnanimità e grandezza di Dio. Goethe così definisce la musica di Haydn: “ lingua ideale della verità”.  Quale migliore compositore allora per decantare la pace e la misericordia di Dio? Le domande e i dubbi di Fede che sorgono in ognuno, all’ascolto di questa messa, sembrano, cos

coro orchestra requiem

ì semplici da risultare chiare e di facile comprensione per tutti. Questo clima di serenità, che avvolge l’ascoltatore, l’accompagna per tutta la durata della messa. Per questa ragione è stata scelta per il concerto commemorativo del giovane musicista Francesco Alviti, scomparso il 23 febbraio del 2009, dopo una lunga ma vana lotta contro il male. Insieme a lui saranno ricordati anche altri giovani e meno giovani recentemente scomparsi: Fiammetta Misserville, Ilenia Pirri, Pio Di Meo, Rico Gizzi e Valentina Aversa, Pasqualina Mastrogiacomo e Michelangelo Di Mario

Harmoniemesse sarà presentata domenica 24 febbraio 2019 alle ore 18,45, nella Collegiata di S. Giovanni battista a Ceccano , dall’orchestra sinfonica Francesco Alviti e dal  Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres, diretto da Mauro Gizzi. Le voci soliste saranno quelle dei soprani Vittoria D’Annibale e Veronica Spinelli, del mezzosoprano Fabiola Mastrogiacomo, dei tenorI Domenico Raco ed  Enrico Talocco e del basso Alessandro Della Morte. Al pianoforte ci sarà Chiara Olmetti e all’organo Alessandra Maura. Il concerto si inserisce nel programma Musica nelle basiliche 2019  che gode del contributo della Regione Lazio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

virgoletteblog

non solo notizie in co-blogging

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: