Il coraggio della paura


di Vincenzo Andraous

Ogni tanto qualcuno dei ragazzi che incontro mi dice: Vince’. quando il gioco si fa duro cosa fanno i duri? Rispondo sempre la stessa cosa: quelli che pensano di essere dei duri si sgretolano, si feriscono, muoiono. L’ho sempre detto con consapevolezza, per esperienza diretta, soprattutto ai più giovani, quelli che pensano di esorcizzare le proprie fragilità sfidando irresponsabilmente la morte, e la morte passa sempre all’incasso. Ho sentito del ragazzino che ha scelto di sfidare la sorte, di frantumare la paura del vicolo cieco, rimanendo stritolato sulle rotaie da un treno in corsa. Ho ascoltato tante versioni, ma quando penso a quell’adolescente fatto a pezzi per gioco e per follia circondato dagli  sguardi affascinati e urlanti da bar sport, da stadio per incitare il proprio beniamino di turno, mi viene in mente quel nobile russo dell’era zarista a nome Oblomov, costui era una brava persona, non fece mai male ad alcuno, tanto meno lo si sentì mai lamentarsi. Semplicemente, non faceva nulla, sopravviveva a se stesso, nel più totale disconoscimento del fare, e così è, quando il mondo adulto, rimane sbigottito ma ben protetto dalla propria indifferenza, tutto ciò che gli appartiene come il bene più grande dei propri figli, decade nell’introvabilità di una scelta. Un giovanissimo maledetto per vocazione non c’è più, non ha fatto in tempo a scendere da questo palcoscenico di piedistalli di cartone, c’è rimasto sprovvisto di domande né risposte, non c’è più, eppure stiamo parlando di un innocente, un  ragazzo costretto a essere il più debole, costretto a rimanere ai margini, costretto a essere escluso, una persona schiacciata dall’ingiustizia, una persona lacerata e piegata dall’indifferenza, non certamente un duro così malamente raccontato. Quando siamo sbattuti con forza in faccia alla realtà, si diffonde il fastidio di parlarne, di chiederne conto, incorrendo
nell’errore di accusare o stanare a tutti i costi la colpa di uno o
dell’altro, mai andando a monte del problema, al perchè è accaduto, o come è
potuto accadere di essere qui pure adesso a continuare a sbalordirci. Quell’adolescente e la sua storia personale rimangono segni incerti come quanto è drammaticamente accaduto, eppure questa assenza è percepita dai ragazzi come una ritualità, un totem, una prova che mette chiarezza, da una parte chi pensa di essere incancellabile  tra omertà e indifferenza, dall’altra la tribù degli impauriti plaudenti, quelli che fanno consenso di partenza e mai di arrivo, Una sorta di sottosocietà dove sempre più spesso il ruolo non è riconosciuto, neppure il valore della persona. L’adulto c’è, esiste, eppure nel gruppo dei pari, dove la battaglia infuria, non c’è alcun riconoscimento, perché s’è inabissato con tutto il suo carico di esempio-autorevolezza-autorità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

virgoletteblog

non solo notizie in co-blogging

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

RomaCassino Express

Associazione pendolari Roma-Cassino

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: