Ceccano, l’ospedale mai finito, Loffredi ne traccia la storia e pone questioni


osppesch
il profetico relitto di via Morolense foto di Paride Claroni

di Angelino Loffredi

Il “Mostro” di via Anime Sante, quello che avrebbe dovuto essere il Nuovo Ospedale di Ceccano, sembra avere i giorni contati. Questa è la notizia che riceviamo da fonti attendibili. Attorno a me avverto qualche sospiro di sollievo ed anche qualche soddisfazione. Io invece mi limito a scrivere: non è tutto oro quello che luccica.
Proverò a spiegare il perché di tanta prudenza. Quel manufatto nero e decrepito, saccheggiato, circondato da rovi e cespugli, pessimo biglietto da visita della nostra città fa brutta mostra di se da circa 46 anni. Ha una storia complessa e particolare che sintetizzo in qualche rigo. Durante la campagna elettorale del giugno 1970 presso l’ingresso del vecchio ospedale di via Roma, ne venne presentato un plastico dai connotati avveniristici, con tanto di eliporto.
Il 21 novembre del 1971 con una solenne cerimonia venne posta la prima pietra. C’erano tante persone felici e speranzose ma il Commissario prefettizio dell’Ente Ospedaliero “dimenticò” di invitare il vice sindaco Aldo Papetti e i consiglieri provinciali Pinetto Bonanni e Angelino Loffredi. Sin dall’inizio l’esclusione dei rappresentanti degli Enti locali si presentò dunque come un modo di agire, un metodo che a lungo andare avrebbe portato alla mala gestione. Per dieci anni si assistette a 7 perizie di variante con notevole lievitazione dei prezzi, alla rotazione di 4 appaltatori, a presenze mafiose (Perelli/Cuntrera) e a qualche arresto. Alla fine vennero dilapidati circa 750 milioni di lire ma in nessuna fase venne coinvolto il Consiglio Comunale.
Chi vuol saperne di più può cliccare sul link https://www.unoetre.it/radici/storia-provinciale-e-locale/item/4317-racconto-di-una-grande-truffa-a-danno-di-ceccano.html

Torniamo all’oggi: dopo 37 anni dall’ultima deliberazione della USL FR5 attraverso la quale si approvava una perizia di variante pari a 8 miliardi, mai resa esecutiva, perché non finanziata, ora il Commissario ASL Macchitella delibera l’abbattimento di 56.452 metri cubi del manufatto esistente e l’edificazione di una struttura bimodulare di 10.638 metri quadrati per realizzare una REMS di 40 posti. Con un complicato appalto finanziato non dalla Regione ma dal Governo pari a 6 milioni e 200 mila euro.
Cosa non mi convince ?

continua a leggere qui 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente,

altrimenti tutto è arte.

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

virgoletteblog

non solo notizie in co-blogging

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

RomaCassino Express

Associazione pendolari Roma-Cassino

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: