Ritratto di Jorge – Francesco


Ecco il profilo del nuovo papa, tracciato da Alessandro Gisotti per  la Radio Vaticana 

habemus2Il cardinale Jorge Mario Bergoglio è dunque il nuovo Pontefice con il nome di Francesco: 76 anni, arcivescovo di Buenos Aires, è il primo Papa gesuita e il primo Papa proveniente dall’America Latina. Il motto episcopale del nuovo Papa è la frase latina Miserando atque eligendo, che descrive l’atteggiamento di Gesù verso il pubblicano peccatore che “guardò con misericordia e lo scelse”. Lo stemma, oltre a riportare il motto, ha al centro, su campo blu, il monogramma di Cristo, presentato nella tipica forma grafica dei gesuiti. Appaiono, inoltre, una stella e un grappolo d’uva. Per un breve profilo del 265.mo Successore di Pietro, il servizio di Alessandro Gisotti:  

“Come si definirebbe?”, chiedeva una giornalista al futuro Papa Francesco un paio d’anni fa. E lui: “Jorge Mario Bergoglio, sacerdote”. Questo piccolo aneddoto dice molto della personalità di Papa Francesco. Umile e semplice. Sempre. Ieri come sacerdote e vescovo. Oggi come Successore di Pietro. Il primo Pontefice gesuita, il primo con il nome di Francesco è nato a Buenos Aires il 17 dicembre 1936 da una famiglia di origine piemontese. Il padre Mario é ferroviere, la madre Regina, casalinga. Fin da giovane il futuro Papa si distingue per la sua semplicità evangelica e il carattere affabile. Papa Francesco studia e si diploma come tecnico chimico, ma poi sceglie il sacerdozio ed entra nel seminario di Villa Devoto. Quindi, passa al noviziato della Compagnia di Gesù. Compie studi umanistici in Cile e nel 1963, di ritorno a Buenos Aires, consegue la laurea in filosofia al collegio massimo “San José” di San Miguel. A metà anni ’60, il nuovo Papa che ha studiato anche in Germania è professore di letteratura e psicologia nel collegio dell’Immacolata di Santa Fe. Poi insegna le stesse materie nel collegio del Salvatore di Buenos Aires. Da buon argentino, ama il tango e il calcio: ancora oggi è tifoso del San Lorenzo, uno dei club della capitale.

Nel dicembre 1969 è ordinato sacerdote, quattro anni dopo fa la sua professione perpetua. A luglio dello stesso anno, a soli 37 anni, Papa Francesco viene eletto Provinciale dei gesuiti dell’Argentina, incarico che esercita per sei anni. Impegnato nel dialogo ecumenico, amante della cultura e in particolare della letteratura classica, dedicherà sempre grande attenzione ai migranti, alle donne e ai giovani, specie se bisognosi. Nel 1992 un momento fondamentale nella sua vita: Giovanni Paolo II lo nomina, infatti, vescovo ausiliare di Buenos Aires. Il presule viene subito ammirato ed amato dai suoi fedeli per la sobrietà della sua condotta di vita e la giovialità dei suoi modi. Con i bambini ama dialogare, come in una Messa quando chiede ai piccoli fedeli chi può cambiare il loro cuore:

“Quien es el único que puede cambiar un corazón?
Chi è l’unico che può cambiare un cuore? ‘Gesù!’ Non sento? ‘Gesù!’ E Gesù può cambiare il cuore a ciascuno di noi? ‘Sì!’ A voi può cambiare il cuore? ‘Sì!’ A me può cambiare il cuore? Sì”.

Il 28 febbraio 1998, il futuro Papa diviene arcivescovo della capitale argentina e sarà, poi, per alcuni anni anche presidente dell’episcopato argentino. Il Beato Wojtyla lo crea quindi cardinale nel 2001 con il Titolo di San Roberto Bellarmino. Cambiano le sue vesti, cambia il colore dello zucchetto, ma lui non cambia. Non cambia il suo stile pastorale. E’ sempre il pastore della povera gente, voce di chi non ha voce, volto di chi non ha volto. Si reca al lavoro con i mezzi pubblici, mette sempre i poveri al primo posto e confessa nella Cattedrale come un normale sacerdote. Da vescovo e cardinale non ha paura di confrontarsi con le istituzioni quando deve difendere la dignità umana: alza la voce contro l’aborto e lo sfruttamento delle donne, contro la corruzione e la violenza. Al tempo stesso, sottolinea che la Chiesa non deve mai farsi illusioni di grandezza. Un’immagine che sintetizza tutto questo, e che è già scolpita nel cuore di molti, raffigura Jorge Mario Bergoglio che si inginocchia a baciare i piedi di una bambina malata di cancro. Papa Francesco testimonia la sua semplicità evangelica in ogni occasione e in ogni luogo. Porta infatti la sua umiltà anche in Vaticano quando è relatore generale aggiunto al Sinodo del 2001 e afferma che il vescovo è chiamato “ad essere santo” e deve tenere “lo sguardo fisso a Cristo”. O quando, 8 anni fa, partecipa al Conclave che elegge Benedetto XVI. Per Papa Francesco, del resto l’evangelizzazione deve portare speranza, come sottolinea in un’intervista di 5 anni fa:

“L’evangelización de Jesús, dar esperanza …
L’evangelizzazione di Gesù, dare la speranza a questo mondo così chiuso in se stesso. Dargli molta speranza, perché ne ha davvero bisogno. Portare Gesù Cristo nel mondo con la sua verità. La vera sfida è predicare il Vangelo”.

Alla base della sua vita, della sua azione di Pastore, confiderà in un’intervista di qualche anno fa – come del resto alla base dell’esperienza cristiana – non c’è un’ideologia: “C’è lo stupore dell’incontro con Gesù, la meraviglia della sua persona”. Uomo di profonda spiritualità, parlando ad un giornalista a proposito dei miracoli, ebbe ad affermare: “Sono d’accordo col Manzoni, che dice: ‘non ho mai trovato che il Signore abbia cominciato un miracolo senza finirlo bene’. Una frase che, adesso, sembra quasi un auspicio per il suo Pontificato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: