Sacco dei veleni: troppo tardi?


difcecTra manifestazioni e contro manifestazioni si trascina stancamente la polemica sui dati finalmente portati alla luce sul disastro ambientale della Valle del Sacco. Ora si parla di tumori, di emergenza, di colture avvelenate, di inquinamento dell’intero habitat naturale della Valle come se si trattasse di una cosa nuova. Chi scrive, purtroppo per lui, è stato testimone oculare della tenda rossa, della puzza nauseabonda del fiume, degli scarichi di Annunziata, dei delitti della Clipper etc. etc. Soltanto uno stupido poteva pensare che tanto marasma, che tanto lassismo amministrativo, tanta delinquenza imprenditoriale, tanti folli comportamenti non avrebbero portato tragiche conseguenze nella vita della gente. E questo è modo comune di pensare di tutti.

difcec2

Quando delle 33 sorgenti presenti nel territorio del comune di Ceccano soltanto due sono potabili, quando il 99 per cento della popolazione beve soltanto acqua minerale, quando dai rubinetti spesso zampilla acqua non soltanto imbevibile  ma anche inguardabile, quando le discariche si moltiplicano sul territorio, quando non si organizza la raccolta differenziata, quando si continua a fiondare i sacchetti dell’immondizia dall’auto… come non capire che i veleni sono ormai nella nostra vita, da anni, purtroppo. Perché i ricoveri per tumore che oggi registriamo non sono la conseguenza di un’ordinanza non emessa da Ciotoli in questi mesi, ma il tragico epilogo di una serie infinita di delitti ambientali, di pressappochismi, di voglia di chiudere gli occhi, di corruzioni, di guadagni illeciti, perpetrati negli ultimi 40 anni!

depA metà degli anni ’80, grazie alla mobilitazione, seria e pacata, di tutte le forze politiche, si ottenne un piano straordinario per il disinquinamento del Fiume Sacco: si sarebbero dovuti costruire 5 poli di depurazione, da Ceccano verso le sorgenti del corso d’acqua. Fu realizzato, dalla Termomeccanica di Genova, soltanto l’impianto di Colle S. Paolo, nella cittadina fabraterna: gli altri, nulla! E poi ci meravigliamo se  tra Anagni e Colleferro, lì dove sarebbero dovuti sorgere gli altri depuratori consortili, abbiamo avuto la morìa degli animali e purtroppo anche degli uomini. Insomma la storia dei veleni del Sacco è molto più complicata delle ordinanze tardive di Ciotoli. Soltanto una nuova, grande, unitaria presa di coscienza delle forze politiche può far sì che il Fiume Sacco diventi non soltanto oggetto degli studi di chi si occupa di ambiente ma  un’area in cui la tecnologia di oggi può lanciare una sfida vittoriosa a quei complessi sistemi industriali ed abitativi che così profondamente hanno deturpato la Valle, danneggiando irreparabilmente migliaia di cittadini.

Segnalo cogitanscribens.wordpress.com con alcuni interessanti contributi di giovani pubblicisti.

Una risposta a "Sacco dei veleni: troppo tardi?"

Add yours

  1. La ringrazio per l’aiuto che ci offre di giorno in giorno, per l’attenzione e l’accuratezza con cui legge i nostri articoli e li segnala ai suoi lettori..per il resto e’ una storia sentita tantissime volte ed ha ragione lei nel sottolineare di come se ne parli ma non si agisca…ecco noi vorremmo veramente mobilitarci e, cercare di cambiare certe situazioni insopportabili come questa,partendo dal nostro piccolo e sperando che la nostra sfida per il cambiamento sia accettata dalla cittadinanza tutta…
    grazie
    Gianluca Popolla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: