Perché postiamo?


di Mario Pireddu Il 29 febbraio 2016 è iniziato il MOOC (corso gratuito online aperto a tutti) dal titolo "Why We Post: the Anthropology of Social Media", nato da una ricerca sugli usi e conseguenze della diffusione dei social media in diverse aree del mondo. Il corso è interessante perché, a differenza di molti altri corsi di questo tipo,... Continue Reading →

Insultare su facebook, si rischia il carcere


di Lavinia Di Gianvito La Cassazione ha deciso: rischia il carcere chi denigra e offende su Facebook. All’origine della sentenza, la burrascosa separazione di una coppia, in particolare gli insulti postati sul social network dall’ex marito nei confronti dell’ex moglie. Ne è nato un processo per diffamazione con rimpallo tra giudice di pace e tribunale:... Continue Reading →

Ai bambini piace il tablet, alla scuola italiana no


di Paolo Ferri, Università Bicocca, Milano   Ai bambini molto piccoli di tutta Europa piace Internet in mobilità e piacciono ancora di più gli schermi touch: ma le scuole primarie e dell’infanzia e i nidi italiani non lo sanno e il MIUR “fa lo struzzo”. Vediamo alcune evidenze... 1. On line sempre più presto Oggi i... Continue Reading →

Le balle sull’anonimato in rete


di Mariangela Galateo Vaglio Cominciamo dalle basi. Ragazzi (ma non solo ragazzi, tutti), non siete anonimi. Quella idea che sentite ripetere in giro, e cioè che se il mio account è "cuoricino99" nessuno saprà che si tratta di me, è una balla. Una balla clamorosa, colossale. Esistono gli indirizzi IP. Gli indirzzi IP sono rintracciabili. Compaiono all'admin... Continue Reading →

Le parole uccidono


di Lorena Leonardi Lo psichiatra Tonino Cantelmi interviene dopo il suicidio della 14enne offesa su Ask.fm: «I ragazzi non distinguono più il sé dalla realtà dei social». Ai genitori: «Rientriamo nella vita dei nostri figli» Le parole uccidono. A dare ancora una volta ragione all’antico adagio che vuole la lingua più pericolosa della spada, il... Continue Reading →

10 anni di facebook, dibattito al Liceo di Ceccano


Il 4 febbraio 2014 Facebook compie dieci anni. Un compleanno che non può passare inosservato perché Facebook è parte della vita di oltre un miliardo di persone. Il social network lanciato da un gruppo di studenti in un dormitorio di Harvard il 4 febbraio 2004 è diventato una multinazionale con più di un miliardo di clienti. Mark... Continue Reading →

Internet, una rete di persone, non di fili


di Antonio Spadaro, sj Ecco alcune mie prime note sul Messaggio di Papa Francesco per la 48a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Una riflessione più ampia, anche alla luce di altri discorsi del Papa sulla Comunicazione, verrà pubblicata sul prossimo numero de La Civiltà Cattolica.   *Più in basso si trova il testo completo del Messaggio* Il Messaggio... Continue Reading →

Facebook, gli adolescenti migrano. Ma per dove?


Ormai sembra un'emorragia inarrestabile. Facebook perde utenti, soprattutto fra gli adolescenti che lasciano il più famoso dei social network ma per andare dove? Per ora non si sa. Sono i dati che arrivano dagli USA. Una calo fortissimo. Dove stanno andando? whatsapp? twitter? instagram? tutti i dati della ricerca qui http://churchm.ag/teens-facebook-exodus/  

Fanciulli a 50 anni tra smartphone e faccette


di Mauro Evangelisti Cinque emoticon in un solo messaggio fanno un idiota @stremaTTa Ci sono i due quarantacinquenni, che svolgono un lavoro serissimo, che fanno smorfie davanti alla fotocamera del cellulare, la caricano su Facebook e si crogiolano per i commenti. C’è l’intellettuale sessantenne, che tra impegnatissimi post sulla situazione politica e la crisi economica,... Continue Reading →

Abitare facebook, una mappa


di Giovanni Boccia Artieri, sociologo Abbiamo capito che gli italiani stanno imparando a cogliere le vere opportunità offerte da un social network come Facebook. Emerge dalla ricercaRelazioni sociali ed identità in Rete: vissuti e narrazioni degli italiani nei siti di social network, condotta con 120 interviste, da cui affiora l'evoluzione biografica dei rapporti tra utente e social network.... Continue Reading →

Non lasciate soli i ragazzi in internet


Più si è connessi meno si studia. I ragazzi trascorrono circa tre ore al giorno in rete, principalmente chattando sui social network (83 per cento) e cercando informazioni e approfondimenti (53 per cento). Ma per ogni ora passata in più su Internet, l’apprendimento cala. Secondo quanto calcolato utilizzando i dati Invalsi la diminuzione di 0,8... Continue Reading →

Il papa, la chiesa, le persone e la rete… i pensieri di Francesco


Nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza i partecipanti all’Assemblea Plenaria del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali che ha avuto luogo dal 19 al 21 settembre 2013 sul tema: “La rete e la Chiesa”. Ecco il discorso che il Papa ha rivolto a noi presenti: Vi saluto... Continue Reading →

Linkedln per collegare studenti e università


di Giovanni Modaffari Il social network per i professionisti abbassa l'età minima a 14 anni attraverso le ‘University pages’: per il gruppo favoriranno i contatti degli studenti con gli atenei LinkedIn annuncia che l’età minima per registrarsi al social network che ha l’obiettivo di favorire la carriera dei suoi utenti, passerà dai 18 anni attuali a... Continue Reading →

Il web e l’intelligenza, fa bene se usato bene


di Antonella Mariani La rete toglie il sonno a grandi e piccoli, rende tutti più superficiali e frettolosi, inonda di informazioni inutili, è veicolo di ogni nefandezza... In questi anni si sono celebrati molti processi contro il web, e il più della volta gli avvocati difensori on sono riusciti a dimostrarne l'innocenza. Perché, è vero, la ragnatela digitale avviluppa le nostre vite e districarsi tra... Continue Reading →

La GMG su twitter, il contributo di p. Spadaro


Dirige la Civiltà Cattolica, segue il Papa utilizzando i social network. Ecco il suo contributo alla GMG, via twitter rio2013 Ed un suo primo commento: L’esperienza che abbiamo vissuto a Rio de Janeiro è stata un’esperienza straordinaria, di grande entusiasmo, di grande colore, vivacità, energia, e tutta questa energia si è espressa intweets, posts su facebook: molti giovani,... Continue Reading →

I nuovi linguaggi digitali della Gmg


di GIORGIO BERNARDELLI Si può organizzare una Giornata mondiale della gioventù senza fare i conti con i linguaggi dei giovani? Ovviamente no. E se c'è un aspetto che balza all'occhio nell'appuntamento che ormai sta per iniziare a Rio de Janeiro è proprio l'attenzione a non lasciar fuori nessuna delle forme espressive attraverso cui i ragazzi di... Continue Reading →

Amore, sangue di Dio


di don Mario Aversano Sto per dire una cosa banalissima. Niente è più importante dell'amore. Riceverlo, donarlo. Eppure dell'amore si parla poco. Lascio fuori chiaramente tutto ciò che sotto l'etichetta "amore" gira nei media (social o tradizionali che siano), le banalizzazioni e i riduzionismi che toccano l'argomento (si passa dal puro gossip ai crimini passionali... Continue Reading →

Reti sociali, porte e verità di fede


di Antonio Spadaro, sj Ogni anno la Chiesa, la domenica dell’Ascensione, celebra la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, l’unica voluta dal Concilio Vaticano II. Il suo scopo è quello di «incrementare e rendere più efficace il multiforme apostolato della Chiesa» (Inter mirifica, n. 18) nel campo comunicativo. Com’è tradizione, il 24 gennaio scorso Benedetto XVI ha inviato il suo messaggio per... Continue Reading →

Web e Twitter per Vangelo


di Nicola Nuti per http://www.newscattoliche.it/ A Catanzaro il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, a margine di un Convegno promosso nell’ambito dell’iniziativa “Il Cortile dei Gentili”, ha detto: “Accanto al discorso, alla riflessione, alla catechesi, all’omelia nella forma tradizionale è assolutamente necessario utilizzare l’universo digitale e tutte queste strategie comunicative che sono nuove: per annunciare il Vangelo... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: