Ceccano e ambiente, fra novità e scelte da fare per aria, acqua, terra e fuoco


Non c’è dubbio che c’è una maggiore attenzione alle tematiche ambientali da parte del comune di Ceccano, grazie all’attivismo del nuovo assessore Del Brocco. Nel Giornata Mondiale dell’Ambiente proviamo a puntualizzare le questioni più importanti per il territorio vetuscolano. Ci sono alcune problematiche che possono essere affrontate a livello comunale, ce ne sono altre che richiedono di avviare azioni di concerto con gli altri comuni della Valle Latina. Cominciamo dall’aria: certamente non può il comune di Ceccano, da solo, risolvere la questione della polveri sottili che è sicuramente il problema principale, per il semplice motivo che non si può non respirare. Tutto il territorio di Ceccano è segnato pesantemente da un inquinamento atmosferico che richiede immediati interventi mitigatori, per diminuire l’incidenza delle malattie cardiovascolari e respiratorie. Così la città vetuscolana potrebbe fare da apripista, magari incrementando i controlli nelle fonti di inquinamento più pesanti come il depuratore dell’Asi e le aziende che emettono quella puzza così acre che avvolge tutti i quartieri settentrionali della città. Potrebbe aumentare i sensori di rilevamento, offrendo ai cittadini informazioni aggiornate sulla qualità dell’aria nelle diverse zone, con l’utilizzo delle tecnologie oggi disponibili sugli smartphone così diffusi. Come anche potrebbe sollecitare ed aiutare i cittadini all’utilizzo dei contributi statali, per sostituire i camini a legna o a pellet con sistemi meno inquinanti, come le pompe di calore alimentate dal solare termico e mettersi magari alla testa di un progetto di detassazione delle accise gas metano, per renderlo concorrenziale rispetto ad altri combustibili ben più inquinanti. Si tratta di interventi che richiedono tempi lunghi ma che, proprio per questo, vanno avviati il prima possibile. Lo stesso ragionamento va fatto per l’acqua: certamente il comune non è in grado di risolvere le tematiche relative all’inquinamento del fiume Sacco ma potrebbe affrontare finalmente il tema delle zone che non hanno ancora allacci al sistema fognario, facendolo diventare una priorità ambientale. Ceccano vantava un territorio ricchissimo di sorgenti, se ne contavano più di trenta: la maggior parte di queste sono oggi inquinate dall’antropizzazione dei territori con le fosse biologiche da cui derivano le infiltrazioni più pericolose. Per la terra, le 4 giornate degli splendidi volontari di Plastic free ci hanno mostrato un territorio profondamente ferito dai rifiuti. Si tratta di una questione che non può essere affrontata soltanto coll’entusiasmo dei volontari. Siamo di fronte ad un inquinamento che riguarda l’intero territorio vetuscolano, con comportamenti che si ripetono da decenni, senza alcun rispetto per l’ambiente e c’è la necessità di un progetto strutturale di recupero di boschi, terreni, macchie soffocati dalla plastica che rischiano, fra l’altro, di diventare pericolosi inneschi di inquinamento chimico nel caso di incendi. C’è, infine, la questione degli alberi monumentali che si continuano a tagliare impunemente, anche stamane, perché non è stato ancora redatto il registro richiesto dalla legge, che finalmente tutelerebbe questi esseri viventi che da almeno un secolo producono ossigeno per tutti noi. Sono grandi questioni da mettere all’ordine del giorno ma il momento è opportuno: grazie a Dio, c’è tanta sensibilità fra la gente, stanca dei comportamenti inconsulti dei cAccAnesi e l’amministrazione comunale potrà trovare molte collaborazioni su queste tematiche.

Una risposta a "Ceccano e ambiente, fra novità e scelte da fare per aria, acqua, terra e fuoco"

Add yours

  1. Quello stesso Assessore che si bea del fatto che un gruppo di cittadini di fatto si è visto costretto a supplire alle deficienze dell’Amministrazione, incapace/non in grado di fornire (a pagamento, of course) un decente servizio di N.U.? Un tantino contraddittorio…
    Off topic (fino a un certo punto) : l’attuale Sindaco, quattro anni fa, proclamò solennenente che per il decoro del paese, avrebbe fatto eliminare in poche settimane le insegne delle tante attività commerciali chiuse/dismesse. Premesso che non ne hanno tolta nemmeno una, a distanza di quasi sette mesi dalle ultime amministrative c’è ancora al suo posto l’insegna del comitato elettorale di uno dei candidati (Via Madonna della Pace), indovina chi. Gli altri, come era giusto, le hanno tolte di mezzo in un paio di giorni. Ma la campagna elettorale non è finita?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: