Ciao Frosinone, sono un giovane medico…


Ciao Frosinone, mi chiamo Damiano e di lavoro faccio il medico, per passione faccio il medico e per sentirmi realizzato in questa vita ho scelto di fare il medico. Nel 2017, dopo tanti sacrifici da parte dei miei genitori (a cui vanno tutti i miei ringraziamenti) mi sono laureato; inutile dire che è impresso nella mente come uno di quei momenti indelebili, belli e di pura felicità. Dopo la laurea l’incertezza: troverò lavoro? Potrò vivere serenamente di questa professione? Tutte domande che mi stavano spingendo, come altri amici nel mio paese, ad “emigrare” in altre regioni (spesso del Nord Italia) oppure all’estero, alla ricerca di una maggiore dignità e meritocrazia. Senza crederci più di tanto ho iniziato a lavorare nell’ASL della mia provincia, come tanti altri giovani, prima come Guardia Medica (ora continuità assistenziale) e successivamente nei vari progetti che grazie alle Medicina Generale sono nati sul nostro territorio per far fronte alla chiusura dei pronto soccorso e dei presidi ospedalieri (PAT, UDI, Trasfusioni domiciliari ecc..). Fare il medico tra la propria gente ti rende felice due volte, come professionista e come cittadino, ti fa sentire parte integrante del progetto di salute di tante persone che fino ad allora avevi incontrato solo passeggiando per strada. Mi trovo a scrivere questa lettera a te, terra mia, perché per la prima volta, dopo quasi tre anni di lavoro, mi trovo di nuovo con il dubbio se lasciarti o restare con te. La nostra ASL sta infatti decidendo di rimodulare in negativo molti progetti e servizi attivi con successo sul nostro territorio. Tanti servizi che sono stati ben accolti dalla popolazione e che hanno permesso a tanti giovani professionisti di lavorare e costruirsi una propria carriera nella terra che li ha visti nascere, affiancando i medici di famiglia più esperti. Si è creata così una bellissima sinergia tra esperienza e innovazione, che mi ha fatto sentire una risorsa e non un peso.Per fare un esempio a chi legge vorrei solo far capire di cosa stiamo parlando per quanto riguarda i servizi di urgenza sul territorio (PAT, ACP). I PAT si trovano a Ceccano (h12), Ceprano (h12), Anagni (h24) e Pontecorvo (h24), mentre gli ACP a Sora, Frosinone e Cassino (solo prefestivo e festivo). Questi presidi hanno valutato fino all’ultimo aggiornamento dei dati (settembre 2019) 65947 pazienti, inviandone al pronto soccorso solo il 3,58%. In questi presidi, in collaborazione con il personale infermieristico, abbiamo curato infezioni, acuzie in pazienti con patologie croniche, medicato ferite, eseguito piccola diagnostica traumatologica e consulenze specialistiche quando necessarie. Come portare questa enorme massa di pazienti tutti al pronto soccorso già inflazionato? Scrivo questa breve lettera per ringraziare tutti i pazienti che sono entrati preoccupati, piangendo e piegandosi in due per il dolore, e che sono usciti con un “grazie dottore” e un sorriso sulle labbra. Vorrei ringraziare chi, affezionato, ha scelto di dare fiducia a chi, come me, si alza la mattina felice di andare a lavorare. Vi ringrazio perché purtroppo da Gennaio 2020, per decisioni aziendali, tutti questi progetti potrebbero essere solo un ricordo. Troverò lavoro? Sicuramente lontano da qui: non mi resta che sperare di poter continuare a fare il medico tra la mia gente. Un abbraccio terra mia

4 risposte a "Ciao Frosinone, sono un giovane medico…"

Add yours

  1. La medicina ha bisogno di competenza e passione umanitaria, sempre. Quella pubblica particolarmente, perché non ha altro fine che la salute delle persone e il loro rispetto da parte della società. Ho insegnato Legislazione sanitaria agli allievi di Igiene e medicina preventiva de La Sapienza, dove ho cercato di trasmettere proprio il messaggio costituzionale della tutela della salute come bene universale che per essere tutelato deve trovare impegno e risorse nel territorio. Pensare globalmente, agire localmente, come diceva l’ambientalismo già tre decenni fa, che mi fu linea guida nell’impegno professionale di avvocato e in quello sociale e politico, da sinistra, con la libertà di pensiero che ho scelto di avere.
    La scelta di Damiano va rispettata e sostenuta, queste volontà non devono essere lasciate sole di fronte al dilemma partire/restare.
    Si può anche partire, ma non da soli. Il territorio deve garantire la possibilità di uscire, fare esperienza e in libertà tornare.
    È bellissimo che a Ceccano, nonostante la marginalità del territorio, nonostante la pesante disuguaglianza di territorio rispetto a luoghi più organizzati e abbienti, vi siano energie come quella di Damiano.
    Avv. Anna Elisa De Santis

  2. In bocca a lupo! Crepiii…E mi dispiace molto che queste strutture “fondamentali” vengano chiuse … Lo trovo veramente ingiusto!

  3. Purtroppo nella nostra regione non si vuole far funzionare la sanità x incrementare il privato, mi dispiace molto per i giovani ma i nostri politici ci hanno distrutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web interessanti per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: