Ceccano, la sinistra alla sfascio, sale la contestazione nel Pd


antimaliziolaRiportiamo un articolo di Ivano Alteri, esponente del Pd e della CGIL, sulla situazione di Ceccano.  Il titolo è Ceccano ci imbarazza… ed è sul sito http://www.unoetre.it/

di Ivano Alteri – Le vicende amministrative di Ceccano, dobbiamo confessarlo, ci procurano grave imbarazzo. Da una parte, infatti, siamo perfettamente consapevoli dell’importanza dei partiti nella vita politica, della loro insostituibilità per una effettiva democrazia partecipata; dall’altra, però, gli stessi partiti continuano a manifestare in ogni atto una disinvoltura scoraggiante, che li allontana vieppiù dal loro ruolo. L’imbarazzo è evidente: noi che non crediamo alla presunta azione salvifica della cosiddetta Società Civile contrapposta all’inefficienza e alla scarsa trasparenza della Società Politica, veniamo smentiti proprio dalla Società Politica, che costantemente si contrappone con arroganza alla Società Civile. Tale contrapposizione tra Società Politica e Società Civile, secondo il nostro parere, è il male più profondo del nostro tempo, per precipua responsabilità della politica. E rischia di zittirci. Il caso di Ceccano è emblematico. Lì, il discorso implicito del Pd è il seguente: “Siccome ho vinto le elezioni europee, faccio cadere la giunta a Ceccano, per approfittare del vento favorevole”. Una normale persona sana di mente non può che restare basita, e chiedersi: che senso ha? Qual è il nesso? Quale, la logica? Ma ancora: chi ha deciso di far cadere la Giunta Maliziola? Con quale metodo? Sono stati consultati almeno gli organismi direttivi dei partiti? Non sarebbero state necessarie le assemblee degli iscritti, per una decisione così importante? Siamo in presenza di arroganza, mancanza di scrupoli, rapacità politica, poltronismo cronico, scempiaggine? Davvero avvilente.

L’obiettivo, è chiaro: ri-addentare famelicamente l’amministrazione della città. Ma come può un cittadino credere che si voglia costruire un’onesta amministrazione, se per conquistarla si usano mezzi sleali? Come può, lo stesso cittadino, credere che si voglia creare un’amministrazione “democratica”, vicina alla gente, se per ottenerla si usano mezzi oligarchici? Insomma, come può essere credibile una politica, se per perseguirla si usano mezzi contrari ai principi che dovrebbero invece ispirarla? L’uso di mezzi disonesti per conquistare una postazione di governo, pensiamo noi, è il preludio di un governo disonesto; l’uso di mezzi oligarchici, è il preludio di un governo oligarchico.

In tutto questo, le questioni amministrative, i problemi della città, restano sullo sfondo, non rientrano nelle preoccupazioni dei complottardi. Essi contano su fatto che, a prescindere da quelli, una volta avviata la campagna elettorale, l’istinto degli elettori sarà così tanto sollecitato che difficilmente riusciranno a tenersi fuori dalla tenzone, ed ognuno si schiererà, comunque, in base alle proprie sensibilità. Ma, ammesso che così avvenga, e che non si verifichi invece una frana nella partecipazione al voto (come già avvenuto alle stesse europee), il danno alla relazione tra politica e cittadini resta: il fossato tra questi e quella si è allargato ulteriormente, le tentazioni oligarchiche si sono accresciute, le smanie di protagonismo individualistico sono state liberate dalle briglie, i privatissimi interessi più biechi sghignazzano nell’ombra con rapacità, il vaso di pandora è sempre più scoperchiato.

Come possiamo non sentirci in profondissimo imbarazzo? Con quale coraggio, quale faccia, quali argomenti possiamo ancora invitare i cittadini alla partecipazione politica, se la politica li allontana sempre più? Come possiamo sperare ancora di convincerli dell’importanza dei partiti per una politica efficace, se i partiti continuano a prenderli a calci? Come è possibile che i politici non sentano il pericolo che incombe sulla democrazia?

O è proprio questo l’obiettivo: allontanare i cittadini dall’unico strumento che renderebbe efficace la loro presenza in politica (Costituzione docet)?

qui il post originale http://www.unoetre.it/comuni-ciociari/item/561-ceccano-c-imbarazza.html

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

AcFrosinone

Cittadini degni del vangelo

gianfrancopasquino

QualcosaCheSo

Spazio Libero

Blog di Informazione, Cultura, Scienza, Tempo Libero

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Damiano Pizzuti

Salute, società, notizie

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

virgoletteblog

non solo notizie e attualità

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: